Guida per autostoppisti ecologisti (non ancora galattici)


Siete in cerca di un passaggio? Forse avete qualche giorno libero e volete fare un viaggetto che so, a Praga, od Amsterdam? Ok, allora lasciate stare i voli low-cost che inquinano tremendamente e magari soffrite pure il mal d’aria. Provate invece con l’autostop e andate a vedere questo sito: ci troverete un’intera banca dati di gente che offre, cerca o scambia passaggi in macchina.
A rischio di risultare noioso, voglio comunque notare che la stragrande maggioranza delle auto che vedete circolare hanno a bordo solamente l’autista e zero passeggeri. Pensate ad un mondo dove invece ogni macchina gira con un minimo di due passeggeri: il traffico dimezzerebbe. Facciamo quattro? Del caos delle nostre città, non ne rimarrebbe che un quarto.
Io la trovo un idea grandiosa, con un unico difetto: devi fidarti della persona che guida, che magari hai conosciuto cinque minuti fa, e magari guida come un canguro ferito…

(Se per caso vi state chiedendo il senso del titolo del post, era solo un gioco di parole a partire da "Guida galattica per gli autostoppisti", la saga inventata dallo scrittore Douglas Adams)

  • shares
  • Mail