Acqua del rubinetto nei ristoranti: battaglia aperta in Gran Bretagna

Campagna per l'acqua del rubinetto nei ristoranti, Gran Bretagna - Foto CCW

Un bollino per identificare immediatamente i ristoranti e gli alberghi che servono l'acqua del rubinetto senza bisogno di richiederla esplicitamente. Nel Regno Unito infatti, proprio come in Italia, i ristoranti solitamente servono solo la (ambientalmente ed economicamente costosa) acqua in bottiglia.

Ogni anno, nel solo Regno Unito, si consumano 3 miliardi di bottiglie d'acqua, di cui mezzo miliardo arrivano dall'estero. L'impronta ecologica del trasporto delle bottiglie in Gran Bretagna è stimata in circa 33'200 tonnellate di CO2, pari al consumo energetico annuale di 6'000 abitazioni.

Il problema è che se uno chiede "l'acqua del rubinetto" (o - come si dice in Toscana - "l'acqua di cannella"), viene fulminato dallo sguardo contrariato dei camerieri. Il Consumer Council for Water (CCW), un'associazione dei consumatori finanziata dallo Stato, si è alleata con la più grande impresa britannica di gestione degli acquedotti, la Thames Water, per promuovere una campagna che segni una rivoluzione culturale. L'obiettivo è far diventare "cosa normale" la caraffa di acqua del rubinetto sui tavoli dei ristoranti e far invece servire l'acqua imbottigliata solo se esplicitamente richiesta.

Il governo di Sua Maestà, nella persona del ministro dell'ambiente Phil Woolas, approva. Woolas dice che non si tratta di imporre l'acqua del rubinetto a nessuno, ma di offrire la possibilità di scelta fra acqua in bottiglia a pagamento e acqua dell'acquedotto gratuita, che fra l'altro non è mai stata di così alta qualità.

Secondo calcoli effettuati dalla CCW, un adulto che beve gli 8 bicchieri d'acqua al giorno raccomandati dai medici, paga €670 l'anno se consuma acqua imbottigliata e €1,35 (una sterlina) se beve l'acqua del rubinetto.

Mi sembra una campagna davvero azzecata: sarebbe bello se anche in Italia le associazioni ambientaliste e i ristoratori si mettessero insieme per promuovere un bollino degli esercizi amici dell'acqua del rubinetto da apporre sulle porte dei ristoranti, sui menù, sul web e nelle guide. Una specie di marchio "slow food" dell'acqua con due obiettivi: riduzione dell'inquinamento e riduzione dei rifiuti. Che ne dite?

Via | The Guardian

» Group to Fight Global Warming with Free Tap Water su environmental graffiti

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: