La polizia brasiliana difende la foresta amazzonica

Foresta Amazzonica

Mentre in Italia era l'ora di pranzo di un lunedì qualsiasi, in Brasile, nella città di Tailandia (a circa 180 km a sud di Belem) è scattata una maxi-operazione congiunta tra polizia e forze paramilitari per salvaguardare la foresta amazzonica. Già la settimana scorsa la città era stata teatro di scontri tra la polizia e le popolazioni locali cui sono state sequestrati 17000 metri cubi di legname illegale.

L'operazione ha visto impiegati oltre 1000 uomini impiegati sin dall'alba per contrastare il proliferare dell'attività delle taglio non autorizzato del legname della foresta pluviale, sebbene sia la principale fonte di sostentamento per le popolazioni locali. La situazione sociale è tesa in una delle zone più pericolose del Brasile mentre i dati ufficiali sull'attività di taglio illegale parlano di circa 2700 miglia quadrate tagliate negli ultimi 5 mesi del 2007.

A farne le spese, oltre alla solita foresta amazzonica, sono anche le popolazioni locali cui non viene proposta un'alternativa di sviluppo economico: l'operazione è stata denominata "Arco di fuoco" e secondo il portavoce della polizia locale, diventerà un impegno continuo delle forze dell'ordine locali. La domanda sorge spontanea: chi ha ordinato tutto quel legname? Non mi sento di condannare le popolazioni che vivono sotto la soglia della povertà assoluta (meno di 1 dollaro al giorno), perché forse noi al posto loro, faremmo molto peggio.

Via | Reuters

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: