Ginevra pensa alla Congestion Charge

La città di Calvino pensa al pedaggio per le auto. Foto : Maccanti Anche nella città di Calvino, pur ben servita da una rete di tram capillari, piste ciclabili e zone a 30 km/h, si pensa di introdurre una tassa per circolare in centro. Il Sindaco verde Patrice Mugny, sulla linea pro pedoni, biciclette e mezzi elettrici del predecessore, Christian Ferrazino, ha proposto uno studio di fattibilità per l'introduzione di un pedaggio per le auto in città da giugno prossimo, suscitando le ire degli automobilisti.

Il primo cittadino motiva la sua proposta con il progetto di legge votato a dicembre 2007 dal Governo Federale a Berna, che prevede la possibilità per i comuni di adottare delle leggi specifiche in materia di circolazione per ridurre i tassi di inquinamento sonoro ed atmosferico, tra cui dei pedaggi. L'iniziativa del Comune ha sorpreso le autorità cantonali che, non essendo state consultate, si trovano incerte sulla posizione da prendere in materia. Intanto, i promotori si dichiarano già soddisfatti di aver smosso le acque con l'apertura di un dibattito che coinvolgerà, verosimilmente, il paese intero nei prossimi mesi.

La destra insiste sulla limitazione delle libertà e sul principio che l'accesso in auto al centro deve rimanere garantito, la sinistra è più possibilista, proponendo che la votazione, consueta in Svizzera anche per questioni locali, si svolga dopo un periodo di prova. In Svizzera l'idea di pedaggio è rivoluzionaria poiché la Costituzione stabilisce il diritto a muoversi senza pagare tasse, le autostrade stesse, infatti, non hanno stazioni di pedaggio ed il diritto all'uso viene assicurato con un coupon annuale da incollare sull'auto.

Via | Le Temps
Foto | Maccanti

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: