Fondo Acqua Bene Comune a Venezia: un centesimo in più in bolletta per finanziare progetti di cooperazione

Fondo Acqua Bene Comune dall'AATO di Venezia Cominciate a fissare la data, il 22 Marzo è la Giornata Mondiale per l'Acqua. Un momento per riflettere su come questo bene sia prezioso e come spesso lo ignoriamo, lo diamo per scontato. Eppure non è così, milioni di persone l'acqua non ce l'hanno, e questa risorsa sta diventando sempre più oggetto di conflitti tanto da guadagnarsi il soprannome di "oro blu", parafrasando l'oro nero del petrolio.

E così ci prepariamo anche noi, cominciando da una buona notizia, o da una "buona pratica" come si usa tanto dire, che viene da Venezia. L'AATO (Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale) della Laguna di Venezia ha dal 2004 un Fondo chiamato "Acqua Bene Comune" che usa per finanziare progetti in Africa e in America Latina con lo scopo di favorire l’accesso all’acqua potabile e di migliorare le condizioni igienico sanitarie delle comunità locali che vivono in condizioni di grande rischio.

Il Fondo viene alimentato dagli utenti stessi, con un leggero aumento in bolletta. Per ogni metro cubo di acqua utilizzato si paga un centesimo di euro in più. Facciamo un rapido conto, l'AATO Laguna di Venezia comprende 20 comuni della Provincia di Venezia e 5 di quella di Treviso, oltre 630mila persone, con un consumo medio annuo di 70 milioni di metri cubi. Il conto è presto fatto.

Il Comitato di gestione del Fondo emana un bando di gara a cui possono partecipare associazioni, ong, e altri soggetti che operano nella cooperazione internazionale, presentando progetti che abbiano come tema centrale l'acqua e che si realizzino principalmente in zone ad alto tasso di povertà.

Tra i progetti finanziati dal fondo ad oggi, c'è quello in Bolivia, nella Valle Araca, dove è stata portata l'acqua a 4 comunità rurali isolate dal resto del mondo. Facciamo anche qui un rapido conto, sono 230 famiglie, 1200 persone in totale, che avranno acqua potabile senza dover percorrere chilometri per raggiungere le fonti. Il tutto per un centesimo di euro in più.

Per approfondire, consultare le pagine del Fondo sul sito dell'AATO Laguna di Venezia

Foto | Tico24

  • shares
  • Mail