I gas di scarico dei diesel alterano le funzioni cerebrali

filtro anti particolato di un motore diesel. Foto Pink DispatcherQuando si respirano i gas di scarico di un diesel come quando si e' nel traffico urbano, il cervello cambia modo di funzionare. Sono arrivati a questa conclusione i ricercatori guidati da Paul Borm dell'olandese Hogeschool Zuyd che hanno sottoposto ad elettroencefalogramma 20 volontari. L'esperimento era in doppio cieco, con 10 persone in una stanza con aria pulita e altre 10 che respiravano una concentrazione di 300 µg/metro cubo di gas di scarico con un po' di NOx, CO e idrocarburi, per simulare quello che entra nei nostri polmoni in una strada trafficata.

Già dopo la prima mezz'ora di osservazione il cervello di chi respirava aria inquinata iniziava a dare segni di stress. I volontari erano seduti e potevano leggere un libro per scongiurare la noia e il sonno, difficile che fossero stressati per altri motivi ed e' anche difficile che a stressarsi per altri motivi fossero solo quelli esposti ai gas di scarico.

La zona cerebrale più attiva di questi soggetti era la corteccia frontale sinistra, con aumento di frequenza delle onde Beta (quelle con frequenza tra i 12 e i 30 Hz). Durante i test cognitivi, un aumento di frequenza di queste onde e' generalmente associato ad una diminuzione della vigilanza. Pazienti con mal di testa, burnout, stress post traumatico hanno anch'essi un aumento di frequenza delle onde Beta.

I segni di stress perduravano per oltre un'ora dopo la fine della somministrazione di gas, con i pazienti tenuti in osservazione in ambiente pulito. I ricercatori sono convinti si tratti di un effetto correlato all'inalazione di nanoparticelle, ma serviranno degli ulteriori studi per comprendere i dettagli.

Foto | Pink Dispatcher

» Exposure to diesel exhaust induces changes in EEG in human volunteers

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: