Ecoblog a Ecomondo

Cari lettori di Ecoblog vi scrivo da una postazione di fortuna in quanto mi trovo a Rimini alla fiera di Ecomondo. Solo due righe per dirvi che dispongo di molti inviti ridotti a 2 euro per cui se qualcuno vuole venire alla manifestazione sarà un piacere offrirvi qualche biglietto.
Oggi è stata la giornata in cui gli espositori sono stati ginocchia a terra a montare gli stand sudacchiando sotto un sole adriatico più caldo del previsto. Domani mattina si aprono le danze e sarà tutto uno stringersi di mani, scambi di biglietti da visita e conferenze. Previsto anche il signor Matteoli, che anche se in pochi sanno chi è e soprattutto cosa fa, in realtà è il nostro ministro dell'Ambiente.
La prima impressione della giornata di oggi è che le cose sono state fatte in grande stile. All'ingresso principale si viene subito accolti da una sedia in cartone riciclato gigante, alta almeno 7 metri. Dietro la megasedia una scritta: "La raccolta differenziata non si siede, ma continua a crescere".
Non ho qui il numero degli espositori ma sono diverse centinaia, compresi quelli che di "eco" hanno pero' ben poco, tipo le multinazionali impegnate nelle biotecnologie. Ma si sa che ogni occasione è buona per provare a sdoganarsi, soprattutto quando non mancano i soldi per farsi pubblicità allestendo gli stand più grossi.
Molto positiva la presenza di artisti. Un scritta tridemensionale lunga dieci metri fatta con acciaio e ferro recuperati recita laconica: "SOSTENIBILE", a caratteri cubitali.
Un gruppo di simpaticissimi artisti fiorentini invece sta costruendo delle opere pop a cavallo fra il design e l'arte pura, a partire da tutta una varietà di rifiuti pazientemente raccolti in discarica. Alcuni di questi manufatti sono davvero sorprendenti, ma di questo ve ne parlerò più avanti.

  • shares
  • Mail