Camion col pantografo sulla scia dei filobus

trasporto elettrico urbano. Foto Andreaz Uno dei problemi alla diffusione dei veicoli ibridi è il rifornimento delle batterie. Invece di cercare spazi per i distributori di elettricità per mezzi elettrici o ibridi basterebbe usare la rete già in funzione. In molte città italiane esiste una rete elettrica sospesa sopra le strade, normalmente utilizzata dai filobus. Un mezzo ibrido dotato di pantografo potrebbe connettersi a questa rete per alcuni tratti di strada e sganciarsi per proseguire autonomamente nei tratti non coperti dalla rete.

Il consumo di energia verrebbe contabilizzato da un contatore a bordo del veicolo. L'ideale sarebbe dotare di pantografi i camion delle consegne, che sono dotati di una lunghezza e di una altezza sufficiente ad adagiare lin sicurezza le canne sul tetto del rimorchio quando on le usano. Una vettura per uso privato dovrebbe avere un meccanismo telescopico, non essendo abbastanza lunga per alloggiare sul tetto la canna.

I camion potrebbero anche ottimizzare il loro percorso sfruttando le corsie preferenziali dei mezzi pubblici. Utilizzando un software per calcolare il percorso di questi mezzi si potrebbe arrivare a prenotare le piazzole di carico e scarico, in modo da trovarle libere all'arrivo e da non intralciare la circolazione degli altri mezzi di trasporto pubblici. Vi piace l'idea? Ehehe... l'ho brevettata insieme ad un inventore incontrato alla Agrofer.

Foto | Andreaz

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: