L'ambiente nei partiti: Partito Liberale Italiano, Per il bene comune, Italia dei Valori

Logo_02

In questo post parleremo dei programmi delle liste Partito Liberale Italiano, Per il bene comune, Italia dei Valori.

Il Partito Liberale Italiano prevede l'intensificazione dell’azione per la risoluzione dei più gravi problemi strutturali del Paese, a cominciare da quello del riequilibrio tra il Sud e il resto dell’Italia soprattutto nel campo delle infrastrutture e dei servizi e da quello energetico.

Nel settore dell'energia, in particolare, comincia ad apparire evidente come, anche in un ottica di diversificazione, l’energia nucleare si stia affermando come quella più rispettosa della salute e dell’ambiente.

» Programma Partito Liberale 2008

Il partito Per il bene comune dice no alle grandi opere (Tav, ponte sullo stretto, rigassificatori, inceneritori). Intende:
Procedere ad un Piano energetico nazionale sulle esigenze della collettività, non su quella delle aziende;
Difendere l'acqua come bene comune che deve restare pubblico;
Sviluppare le fonti rinnovabili di energia, con esplicita esclusione dei rifiuti;

Dare un forte impulso al trasporto pubblico, ai veicoli ecologici e al trasporto ciclabile urbano;
Promuovere campagne per il risparmio e l'efficienza energetica, e per l'autoproduzione domestica di energia; Incentivi alle tecnologie che risparmiano energia, come i Led nella pubblica illuminazione;
Creare un piano nazionale che fissi dei principi comuni per Piani Regolatori ispirati a: diritto alla mobilità, all'ambiente, alla salute e alla sicurezza (traffico);
Regolare lo sviluppo tenendo conto delle esigenze di un trasporto a basso costo, a basso impatto ambientale, sicuro e che tenga conto dei costi della salute pubblica;
Piantare un albero per ogni nuovo nato;
Mettere l'educazione ambientale come materia di insegnamento, a tutti i livelli scolastici;
Introdurre i pannolini lavabili negli asili nido, e incentivi alle famiglie per il loro utilizzo.

» Programma Per il bene comune
» Approfondimento: Alimentazione e ambiente

L'Italia dei Valori incoraggia lo sviluppo energie rinnovabili (finanziamento auto elettriche, pannelli solari, centrali elettriche e autonome), l'incentivazione del trasporto pubblico e la realizzazione, nelle realtà inadempienti, di un ciclo di rifiuti basato su raccolta differenziata, il riutilizzo del riciclabile ed uno smaltimento ecocompatibile.

Nella sezione "Per la salute dei cittadini" vengono dettagliate le iniziative:
Valutare i progetti urbanistici considerando sempre l’impatto ambientale e le conseguenze sulla mobilità;
Incentivare il telelavoro con sgravi fiscali alle aziende;
Recuperare territorio per i bisogni collettivi ( verde, piste ciclabili, servizi, edilizia popolare ecc.), anche utilizzando aree che possono essere liberate decentrando alcune funzioni (carceri, caserme, ecc.) o aree inutilizzate (scali ferroviari);
Prevedere aree pedonalizzate distribuite su tutta la città (non solo nel centro o nei luoghi di pregio) per costruire spazi di socialità e di qualità urbana anche nelle periferie;
Investire sullo sviluppo delle linee di trasporto pubbliche, in primo luogo verso l’esterno della città verso i comuni della provincia, in particolare le linee delle metropolitane, a raccordare il trasporto ferroviario;
Rendere gratuiti i posteggi di raccordo con le metropolitane e le linee di trasporto di superficie;
Eliminare dalla città i combustibili più inquinanti sostituendoli con il metano, o dove è possibile con le energie rinnovabili, incrementando l’utilizzo delle tecnologie che permettono risparmio energetico;
Ristrutturare la fiscalità comunale, in particolare sui rifiuti, per promuovere comportamenti ambientalmente virtuosi e penalizzare quelli dannosi;
Ridurre il costo del biglietto per i pendolari e per le madri con bambino;
Migliorare la gestione dell’orario di circolazione dei mezzi pubblici;
Incentivare lo sviluppo del traffico su due ruote, in particolare quello ciclistico, costruendo un vero sistema di piste ciclabili;
Migliorare la gestione della mobilità con una riorganizzazione degli orari della città (per es. scuole ed uffici), la diffusione dei mobility manager, sistemi informatizzati di controllo e regolazione del traffico.

» Programma IDV 2008
» Per la salute dei cittadini

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: