Distributori di idrogeno: in arrivo la prima rete italiana

La prima rete di idrometano in Italia è in Puglia Dal mese prossimo l'Italia avrà la prima rete per la distribuzione di idrogeno prodotto con fonti alternative: per mostrare al grande pubblico l'iniziativa che aprirà in Puglia, è arrivato in Italia l' economista Jeremy Rifkin già da tempo sostenitore dei progetti verdi.

Finalmente in Italia possiamo guardare con un po' più d'ottimismo: i 5 milioni di euro investiti nel progetto dal Ministero dell'Ambiente, dalla Regione Puglia e dall'Università dell'idrogeno permetteranno di avere i primi 5 distributori di idrometano, una miscela composta per il 30% di idrogeno e per il restante 70% di metano: in ogni provincia della Puglia sarà possibile scegliere tra idrogeno puro, metano e idrometano. Una buona notizia per le 600mila auto a metano che già circolano in Italia, che non dovranno fare alcuna modifica per fare il pieno in queste nuove stazioni di servizio.

"Si potrà viaggiare leggeri, con un carburante regalato dal sole e dal vento" sostiene RifKin perchè si abbatteranno del 20% le emissioni inquinanti: per l'idrometano è un debutto su scala mondiale, visto che al mondo esistono soltanto altri 15 distributori e la filiera dell'idrogeno pulito, ottenuto utilizzando fonti rinnovabili, sta nascendo in Italia, nella Puglia, la futura California italiana così come l'ha definita il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio.

L'acqua locale sarà la fonte primaria per la produzione dell'idrogeno: è la dimostrazione che la terza rivoluzione industriale (secondo Rifkin) seguirà uno sviluppo flessibile e decentrato e l'energia dovrà esser presa e distribuita creando un sistema affidabile e sicuro per le generazioni future.

Via | RaiNews24

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: