Al via il premio “Pietro Croce” per l'abolizione della sperimentazione animale

Chimica Nell’ottobre 2006 si spense Pietro Croce, tra i padri fondatori del movimento antivivisezionista. Autore del libro "Vivisezione o scienza" è diventato presidente onorario del Comitato Scientifico Equivita. A lui è dedicato l’omonimo premio, iniziativa dello stesso Equivita insieme ad Animalisti Italiani e al Movimento Ecologico Nazionale.

Il Premio, giunto alla sua seconda edizione, “vuole essere – spiegano i promotori - un incitamento per tutti, anche per quelli che non concorrono, ad agire, ciascuno nella misura in cui è capace, per promuovere e accelerare questo indispensabile rinnovamento culturale, onde evitare di essere conniventi (con il silenzio) di un “errore ed orrore metodologico”.

A concorrere al Premio saranno progetti di ricerca con l’obiettivo di raggiungere “l’abolizione della sperimentazione animale, o la promozione di metodi di ricerca scientificamente validi”. I progetti, che potranno riguardare la sfera scientifica, giuridico-politica, di comunicazione e didattica, dovranno essere inviati entro il 20 giugno 2008 all’indirizzo: Comitato Scientifico Equivita - Via Pietro Antonio Micheli, 62 00197 – Roma oppure all’indirizzo e-mail: equivita@equivita.it.

In palio un finanziamento di 4000 euro grazie al contributo del Movimento Ecologico e della Federazione dei Verdi Italiani. Prevista anche la possibilità di due vincitori “parimenti meritevoli”. In questo caso il premio sarà suddiviso tra due concorrenti.

Via | Equivita
Foto | Riccaro

  • shares
  • Mail