In Birmania dopo il ciclone il regime non fa niente per la popolazione

Scritto da: -

Ciclone Nargis, il Regime fa finta di niente Il quotidiano inglese The Guardian ha pubblicato sul suo sito un paio di articoli dalla Birmania, o Myanmar, scritti da un anonimo corrispondente (il nome non viene pubblicato per motivi di sicurezza) che sta girando per le zone colpite dal ciclone Nargis di qualche giorno fa. Gli articoli sono impressionanti. Non so se mi aspettavo qualcosa di diverso da un paese sotto regime, ma di certo lo speravo.

Ricordando che il governo ufficialmente da giorni comunica che le vittime sono 22mila con 41mila dispersi (salvo modifiche dell’ultima ora mentre leggo e scrivo), mentre le stime “reali” parlano di 116mila morti, il giornalista inglese ci racconta di cadaveri abbandonati a centinaia ovunque. Un po’ di corpi sono spariti, ma non si sa bene che fine abbiano fatto. Gli altri, oramai in via di putrefazione, rimangono nei campi o a galleggiare nell’acqua. Manca la legna asciutta, e la popolazione non può nemmeno bruciarli per evitare il diffondersi di epidemie. Insomma, mentre la tv di stato fa vedere che i militari si stanno dando da fare per intervenire nelle aree colpite, la realtà è ben diversa.

Altro fronte raccapricciante. La popolazione sopravvissuta rischia di morire, non ci sono medicine o cibo, oltre ad altri beni di conforto in caso di emergenza. Gli aiuti internazionali sono fermi o ostacolati di fatto una volta arrivati a Rangoon. Ma il commercio di riso continua come se niente fosse. La zona che produce maggiormente riso nel paese è proprio quella colpita dal ciclone, la produzione di riso per i prossimi mesi è compromessa dai danni e dall’invasione di acqua salata dal mare, e ripeto, la gente colpita ha bisogno di cibo, ma sacchi di riso sono partiti di recente per il Bangladesh per rispettare gli accordi commerciali presi, e per arricchire gli esponenti del regime.

Vi rimando agli articoli in questione (in inglese) per ulteriori dettagli.
»‘There’s at least 50,000 dead round here. But many of the bodies have disappeared’
» Burma exports rice as cyclone victims starve

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ecoblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.