Robivecchi, a Torino si riclica in Ecopunto informativo

Un robivecchi di Porta Portese

La notizia mi ha scatenato una certa nostalgia mista a divertimento. A Moncalieri in provincia di Torino, in via Santa Croce 11/B, venerdì 23 maggio sarà inaugurato il primo negozio che acquista rifiuti. Una sorta di robivecchi riproposto in versione contemporanea ideato da Recoplastica, società specializzata nel riciclaggio dei rifiuti. Bè a Napoli, nella città tanto vituperata di questi mesi, i robivecchi esistono e continuano a fare affari d'oro. Molti negozietti che comprano metalli, sopratutto, si trovano in Corso Novara.

Dei robivecchi ho un immagine nitida, legata alla mia infanzia e li ricordo anche quando trainando a forza di braccia il loro carretto bussavano a tutti per recuperare stoffa, metalli e vetro. Ma qui a Napoli sono rimasti in vita e hanno cambiato mezzo di trasporto, oggi c'è un Ape car rinforzata di reti metalliche per recuperare in altezza lo spazio necessario alla stiva dei materiali. Specialmente cartone. Per non parlare di quel diffusissimo fenomeno rivitalizzato dagli immgrati, che lungo Corso Garibaldi hanno messo su bancarelle improvvisate dove vendono oggetti recuparati. Sono sicura che anche nelle vostre città esitono. Aiutiamoli a sopravvivere.

Foto |Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: