Ondata di caldo: battuti i record. E da domani in Italia rischio alluvioni

L'Italia vista dal satellite

Una giornata di intenso calore quella di ieri che ha fatto cadere tutti i record precedentemente registrati. E' stata una fiammata sub-tropicale a base di scirocco che ha interessato almeno 7 città laziali che hanno toccato i loro massimi storici, mentre la Sicilia è tra le regioni più colpite superando anche i record del 1994 con Palermo che ha raggiunto i 36 gradi seguita da Bari, Foggia e Trapani con 34 gradi.

Anche le minime sono da record: ad esempio a Trieste si sono registrati nella notte quasi 21 gradi, a Pratica di Mare oltre i 22 gradi, a Capri si è arrivati a quasi 25 gradi, il che lascia presupporre che il cambiamento climatico stia lentamente ma inesorabilmente sovvertendo il clima mediterraneo a cui siamo abituati. E si paventa il rischio alluvione sopratutto in Piemonte dove c'è già la piena della Dora Baltea.

Luca Mercalli meteorologo, dice (lo trovate nella seconda parte del video) che il dato che è sconcertante riguarda non tanto l'ondata di calore, quanto il repentino passaggio dall'inverno all'estate e preannuncia le piene fluviali in Piemonte.

Previsione confermata dal bollettino della Protezione civile si evince che sono previsti per i prossimi due giorni forti precipitazioni dal Piemonte alla Sardegna e su tutta la costa tirrenica. Intanto l'Aeronautica Militare lancia il suo bollettino di burrasca sul mar Tirreno.

Foto | Courtesy Meteo AM

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO