Vertice Fao- Gli interventi in diretta

Il logo del webcasting

Mi collego ora con il vertice FAO dopo aver seguito parte della diretta su Rai1 che con il TG ha provveduto a seguire i discorsi del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e del sindaco di Roma Gianni Alemanno, che nel suo intervento ha centrato il punto: la biodiversità e la tutela delle tradizioni agricole locali sono la salvezza dell'agricoltura moderna. Ha parlato, Alemanno, ricordando la sua esperienza di Ministro dell'agricoltura nel II Governo Berlusconi e confidando anche nel sostegno economico ai paesi in via di sviluppo e più poveri per l'abbattimento della fame che riguarda ad oggi 850milioni di persone in tutto il mondo. 183 paesi registrati e circa 5000 delegati registrati.

ore 12:32 - Parla il Presidente dell'Argentina Cristina Kirchner che ha ricordato i recenti incidenti avvenuti a proposti dell'aumento delle tasse del 45% delle esportazioni di granaglie e cereali, voluto dal suo governo. Ripete la Kirchner che è necessario ridistribuire le risorse facendo affidamento anche a politiche economiche di governo.

ore 12:35 Parla Marinda Rajapaksa Presidente dello Sri Lanka. Lo Sri Lanka per combattere la mancanza di cereali ha predisposto negli scorsi mesi una politica di rivalutazione agricola per le patate. Infatti, ai contadini non solo ha proposto ma ha anche sovvenzionato la ripresa delle coltivazioni su larga scala come cibo per umani e per animali.

ore 12:44 Parla il Presidente Nicolas Sarkozy. Non possiamo far morire il pianeta. Ogni giorno milioni di persone perdono la vita per la fame. Persone. E' dunque necessario agire e agire subito e come? Progettare la ripresa da qui al 2050 per preservare il Pianeta. A partire da cui possiamo iniziare a nutrire la popolazione e abbiamo due modi: la prima fornire dei prodotti alimentari a prezzi bassi nel mercato mondiale, la seconda strategia, sviluppare l'agricoltura locale. La sola e unica soluzione durevole, responsabile e necessaria. La sola strategia possibile. Produrre alimentazione è la priorità assoluta per cui trovare accordi anche per produrre biocarburanti. Ma prima l'alimentazione. A partire da quel momento possiamo fare tutto. E' la risposta alle possibilità e la Francia annuncia i suoi aiuti economici al mondo. Agricoltura locale è questa la soluzione per i paesi in via di sviluppo(Applausi) e rafforzamento della collaborazione internazionale. Una strategia mondiale per la sicurezza alimentare è creare un gruppo internazionale e scientifico a rappresentanza di tutte le discipline scientifiche e tecniche che analizzi e trovi oggettive soluzioni, che analizzi prodotto per prodotto e regioni per regione la sicurezza alimentare e che allerti in caso di emergenza alimentare. La Francia mette un miliardo di Euro per aiutare l'Africa. E' un imperativo morale partecipare alla salvezza del Pianeta e finanziare i mercati che promettono. La Francia propone facilitazioni per la sicurezza alimentare
e più semplificazioni burocratiche. Signore e signori spero che accada qualcosa di grande e importante. La gravità della situazione porta la Francia a voler partecipare ad assicurare il nutrimento per tutti i popoli della Terra poiché è tutto l'equilibrio del Mondo che dipende da esso. Non vi sarà stabilità se non vi sarà cibo per tutti. (lunghi applausi).

Segue lo show di Silvio Berlusconi che ringrazia in francese Mr. Sarkozy per il milione di Euro.

ore 12:56 Parla il presidente della Spagna Zapatero . La crisi mondiale del cibo porta la morte. La Spagna ha risposto rapidamente incrementando gli aiuti. Negli ultimi 4 anni abbiamo moltiplicato per cinque i nostri sforzi nel mondo con 50 milioni di euro al Mondo e specialmente per l'Africa, per affrontare un mondo più giusto.
Si necessita una risposta a chi ha fame. Noi Europa dobbiamo incrementare gli aiuti alla cooperazione internazionale. Aiuti all'agricoltura, alla produzione, aiutare i piccoli agricoltori del mondo: tutti. Troviamo accordi per aiutare tutti gli agricoltori. Nella globalizzazione dobbiamo trovare un accordo. Non si comprende la speculazione sui generi alimentari, iniziata dalla crisi economica degli Stati Uniti e con l'aumento del petrolio. Non possiamo globalizzare sempre il mercato e l'economia. Dobbiamo ricordare gli interessi comuni. La Spagna ha in questo senso un compromesso con gli Stati Uniti, la Fao e l'Onu per un progetto di sostegno ai paesi bisognosi strategico. Elaboriamo una carta della sicurezza alimentare dove sia riconosciuto il cibo come una necessità primaria degli esseri umani, sia riconosciuta l'alimentazione base. Spero che questa crisi sia risolta per il bene dei bambini che ne soffrono e degli adulti.

13:05- Silvio Berlusconi. Mi sembra che sia un punto comune: cioè aumentare gli aiuti e portare i paesi bisognosi ad essere autonomi.

Dovrebbe parlare tra circa 4 interventi il Presidente dell'Iran Mahmoud Ahmadinejad.

ore 13.10 Parla Mahmoud Ahmadinejad e sceglie l'arabo. Attendo che sia pubblicato il suo discorso dall'ufficio stampa della FAO. Da una prima sintesi raccolta in rete il succo riguarda la richiesta di usare l'energia nucleare nel suo paese perché considerata sicura e necessaria.

ore 14: 30 Il discorso di Ahmadinejad è stato pubblicato, ma è in arabo. Non capisco questa necessità di non far comprendere al mondo cosa si dice e cosa succede. Prego qualche lettore che conosce l'arabo di aiutarci a capire le parole del Presidente dell'Iran.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: