Intervista al Sindaco di Gela, Rosario Crocetta: "Ecco perchè dico no all'eolico off-shore"

La spiaggia di Gela

E' arrabbiato Rosario Crocetta, sindaco di Gela. A lui quell'annuncio dell'Enel sulla creazione del parco eolico off-shore nel Golfo Di Gela non lo "persuade" (come direbbe l'amato commissario). A scatenare le ire del primo cittadino il pezzo di ieri 21 luglio: "Gela, la capitale della petrolchimica dice no agli impianti eolici sul Corriere della Sera, dove il Sindaco annuncia una "crociata" contro la loro costruzione, ma non ne viene specificato il motivo nè le ragioni che hanno mosso un amministratore pubblico a parlare in un certo modo.

Per cui ho pensato di chiamarlo e di intervistarlo per chiedergli direttamente le sue opinioni. Dapprima ho sentito un uomo vigoroso, ma a mano a mano che la conversazione proseguiva ho sentito un uomo orgoglioso della sua sicilianità e della sua terra. E ho scoperto che le cose non stanno proprio come riferisce il CdS.

Ed ecco cosa mi ha detto:
D.:Buongiorno Sindaco, le volevo fare qualche domanda inerente le sue dichiarazioni al Corriere della Sera e all'annuncio dell'Enel rispetto alla creazione di un Parco eolico off-shore nel Golfo di Gela.

R.:Le faccio io un paio di domande: a quante miglia dalla costa vogliono mettere quelle torri?

D.:Hanno dichiarato 3 miglia.
R.:E come le sembrano, poche o molte?

D.:A me non sembrano nè poche nè molte. Sembrano giuste.
R.:E invece sono poche. Dalla spiaggia, si vedrà una muraglia di torri e pale che soffocheranno il turismo.


E Crocetta prosegue:

Ecco, si devono dare il look degli alternativi e costruiscono un parco eolico per la produzione di energia pulita, con i finanziamenti europei, ma poi costruiscono anche centrali nucleari e a carbone. Perchè non dismettono la centrale a carbone di Gela e mettono lì le loro pale eoliche? Noi qui abbiamo 500 casi di tumore all'anno e un'alta percentuale di nati con malformazioni. Gela è la pattumiera d'Italia e noi già paghiamo abbondantemente il nostro conto energetico. Per non parlare poi del fatto che nessuno ci ha chiesto nulla.

D.: In che senso Sindaco?
R.: Nel senso che io non ho mai visto il progetto. Ho letto della notizia solo sui giornali. Neanche i gelesi ne sanno nulla. Questi dell'Enel hanno disposto la costruzione del Parco senza informare me e la cittadinanza. Sa dove lo vogliono far sorgere?

D.:Nel Golfo di Gela.
R.:Intendo da che lato. Perchè a est abbiamo il polo petrolchimico e a sud-est le trivelle, a Nord i pozzi e nell'unico lato libero a sud-ovest ci vogliono mettere queste torri. Proprio la dove stiamo recuperando la zona ( da Gela a Licata) e portando un po' di lavoro al turismo. Se queste sono le premesse...

D.:Quali dovrebbero essere allora le premesse...
R.: Ma quanti posti di lavoro porta un impianto del genere? Intendiamoci, io non sono contrario all'eolico e alle energie rinnovabili e pulite. Tutt'altro. Qui però abbiamo 20mila disoccupati e un progetto del genere non si fa senza tener conto delle peculiartià del territorio. Ecco. Chi ha i soldi fa scrivere articoli contro il sindaco che non vuole le energie pulite. Ma la verità non è questa: l'eolico non è così bucolico come sembra e noi non siamo la Colonia di nessuno. Nella zona dove intendono farlo sorgere è vero c'è molto vento. Ma sanno anche che è una zona di passaggio per gli uccelli migratori che vanno verso l'Africa? Sanno che è una zona a vocazione turistica e che noi ci stiamo puntando e molto per risollevare economicamente il nostro territorio?

D.: Ma le energie pulite e rinnovabili saranno sempre più necessarie...
R.: Che iniziassero a toglierci la centrale a carbone! Non è una questione di essere contrari o favorevoli all'eolico. Noi , ad esempio, stiamo autorizzando impianti di fotovoltaico. Ma di certo non li autorizziamo senza un progetto e non senza tener conto di dove sorgeranno, su quali superfici, se sono in armonia con l'ambiente, con quale impatto ambientale. Ho già bloccato in aprile un'altro progetto analogo. Interverremo anche su questo. E ci stiamo occupando del nostro territorio bonificando i terreni inquinati e puntanto sul settore turistico. Cosa ci venngono a dire questi qui?

Foto | Flickr
» Gelacontro

  • shares
  • +1
  • Mail
80 commenti Aggiorna
Ordina: