Tetti bianchi e marciapiedi più riflettenti contro il riscaldamento globale

Tetti bianchiSu Ecoblog è già stato trattato come argomento il fatto che colorare i tetti delle case di bianco sia una buona pratica per abbassare la temperatura nel pianeta. Ora è però stato pubblicato uno studio (dal fisico Hashem Akbari del Lawrence Berkeley National Laboratory insieme ad alcuni esperti dell'Università della California) che ha fornito alcuni interessanti numeri sull'efficacia di questa applicazione includendo inoltre l'utilità dei marciapiedi.

Secondo questa ricerca, se ipoteticamente le 100 maggiori città del mondo installassero tetti bianchi e cambiassero i marciapiedi con materiali più riflettenti, si avrebbe un significativo effetto raffreddante. Vediamo il perchè. Le percentuali medie di occupazione di superficie nelle città sono altissime, infatti sono intorno al 25% per quel che riguarda i tetti e al 35 % nel caso dei marciapiedi.

I dati parlano chiaro: se si dovessero sostituire i materiali di queste superfici con altri riflettenti, si risparmierebbero circa 44 miliardi di tonnellate di gas serra, ovvero la quantità di gas che tutti i paesi del mondo emettono in un anno. La spiegazione scientifica sta nel fatto che la radiazione solare incidente verrebbe riflessa sotto forma di onde corte. Queste ultime uscirebbero dall’atmosfera senza trasformarsi in onde lunghe, ovvero calore, che al contrario verrebbe trattenuto dalle molecole dei gas ad effetto serra.

Questo quanto emerso dai dati presentati nell'annuale conferenza di ricerca sui cambiamenti climatici della California. Una simile applicazione consentirebbe di compensare oltre 10 anni di emissioni, anche senza ridurre quelle industriali. Proprio nello stato americano, dal 2005, è stato regolamentato il fatto che le strutture commerciali piatte siano obbligate ad avere tetti di color bianco.

Un solo tetto di circa 90 metri quadri, la misura standard di una casa americana, "taglierebbe" 10 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. Gli esperti puntano a convincere le Nazioni Unite a far cambiare i tetti nelle principali città del globo. I vantaggi, oltre ai già citati benefici sul riscaldamento globale, sarebbero quelli di un significativo risparmio di energia, abbassamento di qualche grado di temperatura nelle città e importante riduzione dello smog.

Si tratta sicuramente di una lodevole presa di posizione degli scienziati, anche se probabilmente sarebbe prima di tutto più opportuno fare un'analisi sui costi necessari per l'applicazione di un progetto del genere.

Via | Lanuovaecologia.it
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: