Il piano segreto dell'europa per promuovere gli OGM

Jose manuel BarrosoLa notizia del pomodoro nero con proprietà antitumorali, di cui abbiamo parlato qualche giorno fa, probabilmente fa parte di una speciale strategia dei 27 per diffondere la benevolenza nei confronti delle colture OGM in Europa.

Secondo quanto riferisce The Independent, in possesso di documenti segreti, Gordon Brown e altri leader europei starebbero preparando in gran segreto una campagna senza precedenti per diffondere le colture geneticamente modificate in Gran Bretagna e in Europa.

I documenti in questione tratterebbero di una serie di incontri privati dei rappresentanti dei 27 organizzati per accelerare l'introduzione di colture e prodotti alimentari OGM e di politiche per "affrontare" la resistenza del pubblico.

In base alle rivelazione di The Independent i leader europei vogliono "rappresentanti agricoli" e "industria" - presumibilmente imprese biotech come Monsanto - per essere più forti e per contrastare gli "interessi" degli ambientalisti.

Le riunioni segrete sono state convocate da Jose Manuel Barroso (nella foto), Presidente della Commissione e pro OGM e presiedute dal suo capo di gabinetto, Joao Vale de Almeida. I primi ministri di ciascuno dei 27 Stati membri sono stati invitati a nominare un rappresentante speciale.

Né la composizione del gruppo, né i suoi obiettivi, né i risultati delle sue riunioni sono stati resi pubblici. Ma, spiega The Independent , che loro hanno un elenco di presenze e le conclusioni delle due riunioni tenutesi finora - il 17 luglio e appena due settimane fa, il 10 ottobre - e redatte proprio dal Presidente.

L'elenco mostra che Nicolas Sarkozy e Angela Merkel hanno inviato un folto gruppo di delegati. La Gran Bretagna è stata rappresentata da Sonia Phippard, direttore per l'alimentazione e l'agricoltura presso il Dipartimento di Ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali.

Nei documenti c'è scritto che è necessario trovare "il modo migliore per trattare con l'opinione pubblica" e chiedono "liberà dalla emotività e un dialogo fatto sugli elevato standard OGM nella Ue". E il presidente sottolinea "I ruoli del settore, dei partner economici e della scienza per contribuire attivamente a tale dialogo". E aggiunge che "il pubblico è male informati" e dice "i rappresentanti agricoli dovrebbero essere più incisivi". E rispetto ai gruppi ambientalisti, afferma che il dibattito "non dovrebbe essere lasciato a taluni soggetti che hanno interessi personali".

Ma se le colture e i prodotti OGM sono così innocui e necessari che senso ha fare riunioni segrete per imporli all'Europa?

Via | The Independent
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: