Una vocina che parla

La voceEffetto caro-petrolio
Il greggio è rincarato di oltre il 60 per cento nel 2005. Ma le conseguenze per crescita e inflazione non sono le stesse registrate in altre crisi petrolifere. Soprattutto perché quello attuale è uno shock da domanda e non da offerta. Resta però una sostanziale vulnerabilità dei paesi occidentali. Prezzi crescenti del petrolio agiscono come una potente tassa sui consumatori che comprimono così la spesa per altri beni. La stagnazione dell'economia, poi, non consente di attutire l'impatto attraverso un incremento dei redditi. Con riflessi anche sui risparmi.
[continua su La Voce]

Sole, vento e nucleare
I problemi del sistema energetico italiano sono sostanzialmente tre: l'inquinamento, la sicurezza degli approvvigionamenti e i prezzi. Non basta dire "aumentiamo la concorrenza". I tre temi sono profondamente intrecciati e richiedono scelte energetiche di fondo, soprattutto se si vuole diminuire la nostra dipendenza dall'estero. La soluzione del nucleare sembra impraticabile, almeno nel breve periodo. L'energia solare non risolve la questione. Se non vogliamo risparmiare energia, dobbiamo essere pronti ad accettare un aumento dei costi, già oggi elevati.
[continua su La Voce]

Come "liberare" l'energia
Alti prezzi finali, vulnerabilità delle reti, insoddisfacente qualità del servizio sono i sintomi del malessere del sistema energetico italiano. La riforma avviata nei primi anni Novanta è ancora incompiuta. Occorre quindi mitigare il potere di mercato degli ex-monopolisti per favorire l'entrata di nuovi operatori. E rilanciare le funzioni di regolazione indipendente. Il controllo proprietario di entrambi gli operatori di rete andrebbe poi attribuito alla Cassa depositi e prestiti. Che per evitare conflitti di interesse dovrebbe cedere le sue quote di Enel ed Eni.
[continua su La Voce]

  • shares
  • Mail