Quando le piccole province danno l'esempio

Parco eolicoIl taglio delle province in Italia è una questione che ha animato l’ultima campagna elettorale nazionale e, anche se la questione sembra ora in fase di quiescenza, rimane comunque costante il parere negativo che l’opinione pubblica nutre sull’esistenza di questi enti pubblici. In questo quadro negativo c’è comunque chi si distingue per interessanti iniziative di sviluppo sostenibile.

Parliamo della Provincia del Medio Campidano, una fra le più piccole per numero di abitanti ed estensione di tutto il territorio nazionale. Sono infatti stati resi pubblici risultati dei primi mesi di attività del Parco Eolico della provincia. Il nuovo complesso, recentemente aperto e con una potenza complessiva installata di 70 MW, è riuscito nei suoi primi due mesi a produrre mediamente 12 milioni di kWh mensili.

Si prevede infatti che in un anno il vento contribuirà alla produzione energetica sarda con 120-140 milioni di kWh puliti, ovvero una quantità di energia tale da rendere autonoma l’intera provincia che soddisferebbe ampiamente il fabbisogno delle 36.000 famiglie del Medio Campidano. I risvolti ambientali sono facilmente intuibili, infatti l'attività del parco eviterà il consumo di 26.338 tonnellate di petrolio all’anno, ovvero 64.774 tonnellate di anidride carbonica in meno nell’atmosfera .

Questo può essere considerato una dimostrazione di come anche piccole realtà come questa possano portare iniziative sostenibili per raggiungere in anticipo i parametri imposti dal Protocollo di Kyoto e dalle direttive europee in materia di emissioni di CO2, efficienza e risparmio energetico.

Via | Legambientesardegna.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: