Genova,idrogeno da sole e vento per la nautica

Navi a vela alimentate da idrogeno Nautica a idrogeno è il nome di un progetto siglato tra la Regione Liguria e H2U - Univerisità dell'Idrogeno per iniziare proprio dal Porto di Genova e dalla Liguria l'alimentazione per navi e barche con l'idrogeno.

Secondo l'accordo sarà realizzato un prototipo di barca a vela alimentato a idrogeno e una serie di punti di rifornimento in diversi porti con idrogeno ottenuto da fonti rinnovabili.

Franco Zunino Assessore all'Ambiente della Regione Liguria dice:

E' fondamentale per la Regione sperimentare e adottare percorsi di sostenibilità nel campo della nautica. Il rapporto con il mare è per noi di grande importanza ed un progetto come questo potrà essere un tassello significativo per salvaguardare l'ecosistema.

Dopo il salto i dettagli del progetto.

L’energia primaria viene fornita dal sole e dal vento. La combinazione dei due elementi, sul mare, è quasi sempre presente. L’idrogeno funge da accumulatore di queste energie rinnovabili. E’ prodotto dall’acqua mediante elettrolizzatori ed è utilizzato come combustibile alternativo a benzina e gasolio per la propulsione di imbarcazioni da diporto e da lavoro, a vela e a motore.

Questa catena sole-vento, eletrolizzatore, acqua, idrogeno viene realizzato sia nei distributori da realizzare nei porti, sia a bordo di imbarcazioni a vela.

L’idrogeno così prodotto può essere stoccato con varie tecniche, come gas compresso o mediante sistemi a idruri metallici (sia a terra che a bordo).

L’idrogeno immagazzinato a bordo di vari tipi di imbarcazioni mediante contenitori in fibra di carbonio o contenitori a idruri metallici può essere utilizzato per alimentare celle a combustibile (fuel cell) o utilizzato come combustibile in motori a combustione interna, da solo o mescolato al metano.

Nelle celle a combustibile va utilizzato puro al 99,999%. Viene ossidato con l’aria atmosferica e produce energia elettrica in grado di alimentare un motore elettrico in maniera molto efficiente.
Il sistema motore elettrico – fuel cell è silenzioso e praticamente privo di vibrazioni. Produce acqua distillata che può essere utilizzata e calore che può essere utilizzato a bordo. Null’altro. Niente combustibili oleosi, niente perdite in mare. Va benissimo per le aree marine protette e per le acque interne. Inquinamento zero e niente rumore.

Le imbarcazioni a vela navigano per lo più con il vento e utilizzano il motore solo limitatamente alle manovre in porto e a determinate condizioni di navigazione. Questo significa che la riserva di idrogeno a bordo non è necessariamente molto grande, anche perché le imbarcazioni a vela utilizzano tipicamente motori di piccola potenza. Questo ci consente di pensare di poter produrre idrogeno a bordo durante la navigazione, anche perché si dispone di spazi e alberi che lo consentono. Si pensa di produrre idrogeno utilizzando rotori eolici verticali e fotovoltaico.

Via | Italia estera
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: