Nucleare, corriamo il rischio di essere colonizzati dalla Francia?

Nucleare: colonizzazione francese energetica? Il dibattito sul nucleare è apertissimo anche in ambito industriale e interviene, in proposito, l'Ansaldo a mettere in guardia i nuclearisti più convinti non tanto per la scelta in sè quanto per il rischio colonizzazione energetica.

E in proposito c'è stato un botta e risposta tra Zampini che è a.d di Ansaldo Energia e Livio Vido, Direttore Divisione Ingegneria e Innovazione della Enel durante la conferenza "Innovazione energetica e rilancio del nucleare. Lo scenario italiano" che si è tenuta ieri a Roma e organizzata dall'OICE. >Il primo ha chiesto più spazio per le aziende italiane, l'altro ha risposto che ci sarà spazio per le imprese nazionali solo se saranno all'altezza delle tecnologie necessarie.

Ha detto Vido:

Le aziende italiane devono recuperare il gap con quelle francesi. L'industria italiana si deve formare, altrimenti saremo costretti a guardare all'estero.

Dice Giuseppe Zampini, a.d. di Ansaldo Energia:

Ci troveremmo di fronte ad una situazione in cui l'80% delle attività di realizzazione e ingegneristica delle nuove centrali sarebbero in mano a società e aziende francesi. Una colonizzazione insomma. Chiedo che Enel apra un tavolo con le imprese fin da ora non solo per la produzione dell'energia, ma anche di accesso alle tecnologie e di manutenzione.

E conclude Zampini:

Altrimenti perchè fare il nucleare?

Via | Borsa italiana , Virgilio
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail
32 commenti Aggiorna
Ordina: