Il cambiamento climatico causerà nuovi flussi di migrazione

migrazione ambientale

I cambiamenti climatici costringeranno milioni di persone a lasciare le proprie case a causa dell'innalzamento del livello delle acque, richiedendo così la gestione dei futuri flussi migratori e la disponibilità di nuovi fondi per far fronte alle prime emigrazioni ambientali.

Secondo la relazione presentata a Bonn durante l'incontro per il post-Kyoto, le migrazioni causate dai disastri ambientali possono diventare un fenomeno difficile da gestire, sia in termini di emergenza, che in termini di vastità dei flussi: la stima è di 200 milioni di migranti, a causa dei cambiamenti climatici e di conseguenti disastri ambientali, entro il 2050.

Tra le regioni più vulnerabili, indicate dallo studio, ci sono le isole Tuvalu e le Maldive che stanno scomparendo, le aree secche come il Sahel in Africa e alcune aree del Messico; il Bangladesh, il Vietnam e l'Egitto su cui si trovano i delta di fiumi a rischio.

via | reuters

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: