Reti idriche: in Italia le peggiori d’Europa

Acquedotto romano

Sono pari a 5 miliardi di euro l’anno, gli sprechi causati in Italia delle carenze infrastrutturali della rete idrica. E’ scritto in una risoluzione approvata oggi all'unanimità dalle commissioni Ambiente e Attività Produttive.

Le reti idriche e fognarie italiane, secondo la risoluzione, presentano le maggiori carenze infrastrutturali rispetto ai principali Paesi europei: il tasso di perdita negli acquedotti
italiani e' di circa il 40% contro il 10% circa della Germania e il 15% della Gran Bretagna, nonostante la densità per area geografica e pro-capite di quei paesi sia inferiore rispetto all'Italia.

Oggi il Parlamento ha posto quindi l'accento sull'urgenza di mettere mano alla nostra rete idrica nazionale, un intervento che potrebbe portare vantaggi economici, in termini di creazione di posti di lavoro, ma anche ambientali e per la salute dei cittadini.

Via | Nuovo Giornale Online
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail