Coltivare riso come Takao Furuno

Il sistema di coltivazione del riso che sto per illustrarvi è tratto dal libro La fine del Cibo di Paul Roberts (Codice edizioni, pagg. 459, euro 28) e ne ho letto la presentazione in quella deliziosa rubrica intitolata Un libro in due minuti a cura di Giorgio Dell'Arti su Vanity Fair (Nr.38).

Ecco cosa dice:

Metodo usato dal risicoltore giapponese Takao Furuno per coltivare il riso. A giugno libera nelle risaie appena seminate centinaia di anatroccoli, che divorano insetti e erbacce e che con i loro escrementi concimano il riso. A estate inoltrata riempie le risaie di pesci d'acqua dolce, proteggendoli dalle anatre con una felce. Questa felce, a sua volta sfrutta l'energia solare per fertilizzare il riso e dà riparo all'alga azzura che nutre i vermi che nutrono i pesci che concimano il riso con i loro escrementi. In autunno, prima che mangino il riso maturo, Furuno ritira le anatre in un capanno e aspetta che depositino le uova e le vende. Poi raccoglie il riso e pianta nelle risaie una coltura di frumento e in tutta la proprietà fa la rotazione di alcune decine di ortaggi che vende insieme a riso, anatre, uova e pesce.

A proposito di hamburger:

Un'analisi del DNA condotta dalla Colorado State University ha rilevato che lìhamburger da 100 grammi può contenere tessuti di 55 diversi animali.

Infine, immaginare quanto possa costare all'industria alimentare Usa una dieta?

Per James Hill studioso della Colorado Clinical Research Unit, per combattere l'obesità in America basterebbe ridurre il consumo quotidiano di cibo di 100 calorie. L'industria alimentare, nel solo territorio americano, perderebbe tra i 31 e i 36 miliardi di dollari.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: