In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

Scritto da: -

Flacone vuotoEsattamente tre anni fa su Ecoblog parlammo dell’iniziativa dei detersivi alla spina che ebbe avvio in Piemonte riguardante un programma di diffusione in tutta la Regione. Ebbene, dopo averne segnalato l’iniziativa, ritengo sia particolarmente interessante osservare come questa, a distanza di tempo, sia stata accolta dalla società.

Proprio nei giorni scorsi sono stati diffusi i primi dati (positivi) dopo il primo trienno del programma; ebbene sembrerebbe siano stati venduti 950 mila i litri di detersivo erogati alla spina. Tradotto in parametri ambientali significa che in atmosfera non sono state emesse 92,2 tonnellate di CO2 e si sono economizzati più di 1421 MW/h di energia elettrica e più di 33 tonnellate di plastica.

L’assessore regionale all’Ambiente Nicola De Ruggiero commenta con soddisfazione i dati: da dicembre 2006 hanno aderito al progetto 9 catene commerciali e sono state installate sul territorio 45 macchine erogatrici. Grazie alla capillare presenza sul territorio sono più di 950 mila i litri di detersivo venduti alla spina.

Di questi il 69% è stato erogato riutilizzando il flacone acquistato la prima volta: risultano infatti riutilizzati 550.947 flaconi su 798.264. Ingente il risparmio in termini ambientali: la mancata produzione di imballaggi, oltre che non richiedere l’uso di 33 tonnellate di HDPE e di 18,5 tonnellate di cartone, ha evitato l’uso in fase di produzione di 138,5 milioni di litri di acqua, 1421,4 MWh di energia e l’emissione in atmosfera di 92,2 tonnellate di CO2.

Risultati alla mano, per quanto non trascendentali, si tratta sicuramente di una buona iniziativa che merita continuazione e diffusione sempre più ampia ad altre realtà, nella speranza, ovviamente, che immagini come quelle della foto di questo post scompaiano per sempre.

Via | Ecodallecittà.it
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 19 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vero Passatore

    Certo che è conveniente usare i prodotti alla spina. I contenitori dovrebbero essere quasi tutti concepiti per il loro riutilizzo, soprattutto per le faccende di tutti i giorni. Le borse e le sporte della spesa, ma anche i contenitori per il vino, l'acqua, latte, detersivi eccet. dovrebbero essere tutti di materiale riciclabile e riutilizzabile. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Mauriziosat,9

    eccone un'altro dal pensiero debole. . sui contenitori per i detersivi se ne puo' discutere . MA VISTO L'ECATOMBE DI INFEZIONI ALL'APPARATO DIGESTIVO , RISCONTRATA ATTORNO AI DISTRIBUTORI DI LATTE FRESCO ……….. . la prima cosa da vietare è proprio il riutilizzo dei contenitori per il cibo deperibile. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vannina

    Se sono in vetro e si lava bene, non c'è proprio nessun pericolo, semmai le infezioni gastrointestinali sono causati da microorganismi presenti sulle mammelle degli animali, infatti il latte crudo non è privo di rischio, bisogna consumarlo entro tre giorni, coservandolo in frigo, oltre tre giorni può esserci una proliferazione batterica, quindi è raccomandato pastorizzarlo. Che ci fa una persona anti-ecologica come te, mauriziosat, qui? Se vuoi fare quello con una posizione critica, almeno fallo ragionando. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Mauriziosat,9

    lavarle non basta VANNO STERILIZZATI ..BOLLENDOLI …………….CHIEDI A TUA NONNA COME FCEVA LE CONSERVE . SE NON LI BOLLISCI NON FAI NULLA DI UTILE . e se li devi bollire …………..l'ECOLOGIA SE NE VA A FARSI BENEDIRE …..ASSIEME AL RISPARMIO . . INFATTI QUELLA DELLO SFUSO ALIMENTARE E' UNA BUFFONATA….ANCHE UN PO PERICOLOSA. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vannina

    Non posso più chiederlo a mia nonna, ma so per esperienza che non è così, mia madre fa conserve e marmellate tutti gli anni, potrei dire che neache bollendole serve perché le tossine di alcuni batteri, leggi clostridium botulinum, possono resistere anche alle alte temperature. Io le lavo bene e le faccio seccare, assenza di cibo, morte dei batteri, poi al momento dell'uso una mestolata di acqua bollente a tappo chiuso, scuoto. La pastorizzazione si fa a cibo confezionato, bollendo anche il contenitore. Non è una cavolata, ragiona, la frutta e la verdura non la prendi sfusa? O preferisci quelle confezioni da 4 arance pieno di carta e cellophan sprecati? Di cibo sfuso non ci sono solo quelli deperibili facilmente, anche i cereali, la pasta, il riso, i legumi, evitare l'aumento eccessivo di packaging non è una cavolata, la prossima volta dì: "è una cavolata per me, che sono un anti-ecologista". Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by:

    ai troll conviene non rispondere… Io abito in provincia di Torino e da un anno circa compro solo detersivi alla spina. Purtroppo non tutti i supermercati li hanno, però stanno nascendo dei negozi specializzati in questo Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: ale68

    @vannina perdi tempo col troll, frasi senza senso tipo 'se li devi bollire …………..l’ECOLOGIA SE NE VA A FARSI BENEDIRE …..ASSIEME AL RISPARMIO' si commentano da se. Mi domando anch'io cosa ci faccia un membro del partito delle libertà di abusare dell'ambiente in questo blog… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: _Giacomo_

    @ale68 Invece ha perfettamente ragione.Tu invece,che ti ritieni di altro profilo,che fai? Ti preoccupi del blog anziche' ribattere in maniera scientifica……? Beh gira e rigira il ruvido maurizio e' sempre piu' convincente…. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vannina

    Certo, convince tantissimo, salta di palo in frasca e non approfondisce alcun discorso, non argomenta perché è più facile offendere e insultare… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Mauriziosat,9

    HAHAAH C'è POCO DA APPROFONDIRE . . il proffessor PASTEUR pensava di aver salvato il mondo dalle malattie gastrointestinali <a href='http://it.wikipedia.org/wiki/Louis_Pasteur' rel='nofollow'>http://it.wikipedia.org/wiki/Louis_Pasteur</a> POI SONO ARRIVATI GLI ECOTONTI e l aloro fissazione per il latte alla spina …..e lui si rivoltanella tomba. . SENZA PASTORIZZAZIONE BOLLIRE I CONENITORI E GLI ALIMENTI LIQUIDI era fondamentale per evitare MORTI PREMATURE . Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vannina

    Se scrivi come parli allora sei peggio di di pietro, non si capisce nulla. Cosa raccomandano alle spine? di far pastorizzare il latte, poi se non l'hai mai provato e parli a vanvera è un altro conto. Pasteur era uno scenziato dell'ottocento, fatti curare da un medico dell'ottocento, te lo raccomando, nel frattempo un po' di cose sono cambiate sai, sia la mungitaura, che la conservazione, nonché il nostro sistema immunitario, ma di questo non c'è proprio nulla da approfondire… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: Vannina

    hop, hop, e dove salterai ancora… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by: vitosolar

    Io lavoro in caseificio è posso dire che il latte che si munge adesso ha cariche batteriche molto basse. Il nostro si aggira su 2000-3000 U.F.C. che è un valore bassissimo. Le sale di mungitura sono oggi tenute molto pulite è il latte nel giro di pochi minuti viene portato a 2°C. All'epoca di pasteur non c'erano le possibilità di prevenire lo sviluppo di microrganismi anch'io a quei tempi avrei usato solo latte bollito. Varie ricerche dimostrano che l'uso regolare di latte crudo a bassa carica produce effettiti positivi sull'intestino e previene certe malattie mentre l'uso saltuario aumenta i casi di gastroenterite quindi se si fa un uso saltuario è meglio pastorizzare se no il latte crudo è il meglio che ci può essere.Per quanto riguarda la sterilizzazione delle bottilie posso dire che non serve se sono ben lavate questo perchè se non ci sono residui di sostanza organica i batteri non si sviluppano. Ultima cosa 3 giorni per il latte crudo possono essere troppi meglio stare sui 2 giorni. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su In Piemonte si valutano i risultati del programma di diffusione dei detersivi alla spina

    Posted by:

    Salve a tutti. Anche nella mia città si stanno aprendo catene di negozi che vendono detersivi alla spina, alimenti sfusi (pastasciutta, riso, ecc.) senza imballaggi, e pannolini lavabili. Personalmente ho cambiato tutta la gestione domestica dei detersivi, non produco più plastica da mesi, e con la caraffa filtrante bevo acqua (ancora pubblica!) da rubinetto senza comprare quella minerale in bottiglia. L'Italia è prima anche nel triste primato delle lobby sull'acqua minerale. quante marche ce ne saranno? e nessuna regione beve la sua acqua, ma ce le scambiamo in continuazione Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ecoblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.