La tragedia di Haiti si sarebbe potuta evitare?

Le zone colpite dal terremoto di Haiti e le faglie coinvolte

Il terremoto di Haiti, avvenuto nella giornata di ieri, sta offrendo al mondo intero uno spettacolo apocalittico con un bollettino delle vittime in costante aumento. Le ultime notizie ci informano che i morti potrebbero arrivare a circa mezzo milione. In alto nella foto della NASA i punti colpiti dal sisma e dalle scosse di assestamento, rappresentati dai cerchietti neri e in rosso le faglie.

La domanda è la seguente: ma un simile scempio di così enormi dimensioni poteva essere evitato? Per capirci, gli esperti possono avvertire di un imminente terremoto nello stesso modo che un meteorologo prevede una tempesta di ore o addirittura di giorni?

Convergono i migliori esperti del mondo nel dire che, con le conoscenze attuali, si è appena in grado di calcolare con buona approssimazione dove la scossa si verificherà nel lungo termine, tuttavia, nonostante i progressi in sismologia, gli effetti rimangono imprevedibili. L'unico modo certo per evitare danni così ingenti è quello di costruire gli edifici in modo sicuro ed evitare lo sviluppo urbano in zone potenzialmente ritenute a rischio.

Ma questa è storia vecchia. L'aspetto della sicurezza infatti viene spesso disatteso dai Paesi più industrializzati (Italia in primis), figuriamoci in realtà sottosviluppate quali quella di Haiti.

Se si aggiunge che, allo stato attuale, non esiste alcun metodo per individuare dove e quando si verificherà un terremoto a causa del suo comportamento non lineare e piuttosto caotico, ecco spiegate tragedie immani quali quella di Haiti. Intanto c'è però da rimboccarsi le maniche e a tal proposito apprendiamo che sta iniziando da parte di tutti gli Stati del mondo la corsa alla solidarietà.

La Banca Mondiale in primis ha già messo sul piatto 300 milioni di dollari. Attendiamoci novità a breve, nella speranza ovviamente che il bollettino delle vittime possa essere meno catastrofico di quello che ci viene riportato in queste ultime ore.

Via | Elmundo.es
Foto | NASA

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO