Il campanilismo di vicinato come arma per l'efficienza energetica

Lampadina a risparmio energeticoQuando la gara stimola a far bene: potrebbe essere questo lo slogan di una curiosa idea portata avanti negli Stati Uniti in tema di efficienza energetica. In sostanza alcune cittadine americane hanno istituito una competizione a premi fra i singoli vicinati.

Ebbene sembrerebbe che se le persone devono confrontarsi con i propri vicini di casa riescono effettivamente a ridurre il proprio consumo energetico, portandolo (in alcuni casi) a valori accettabili. Fare una bella figura con gli altri sarebbe un motivo sufficiente per fare accettare alla gente dei piccoli sacrifici o accorgimenti a favore dell'ambiente.

Quali questi sacrifici? Si parte dalla scelta per le lampadine a basso consumo, allo spegnimento della tv e della macchina del caffè evitando lo stand-by, all'utilizzo della lavastoviglie e della lavatrice solo a pieno carico. La psicologia, sottolineano i responsabili dell’iniziativa, assume una parte importante del gioco: tenere il passo con il vicino sarebbe quindi motivo sufficiente per ottenere una riduzione del consumo energetico.

Mi rimangono però alcuni dubbi circa l’efficacia del meccanismo. Dall’analisi emerge come i risultati non siano poi così importanti: le riduzioni energetiche hanno infatti una media di appena il 2%. Come dire che se il campanilismo da quartiere può trasformarsi da fattore limitante ad elemento di crescita la strada da fare è senza dubbio ancora lunga.

Via | Mnn.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: