Inquinamento in Canada, aumentano i casi di cancro dei beluga

Beluga a rischio cancro in Canada

Jean-Michel Cousteau, figlio di Jacques Cousteau ha riacceso le preoccupazioni in merito alle sostanze inquinanti in Canada che sarebbero la causa dell'aumento dei casi di tumore tra i beluga. Già nel 1980 il New York Times segnalò in un articolo il possibile legame tra i rifiuti industriali e le morti per cancro di alcuni beluga in Canada, presso il St. Lawrence River affluente dei Great Lakes.

Gli scienziati hanno studiato a fondo la popolazione di beluga nella zona del St. Lawrence River oggi al minimo storico a causa di nuovi casi di cancro. Secondo il NYT il numero di beluga Cook Inlet è di nuovo in calo e il rischio è la loro estinzione essendo passati dai 375 esemplari del 2007-08 ai 321 del 2009. CNN riferisce che secondo uno studio della International Whaling Commission:

La contaminazione di agenti inquinanti in alcuni mammiferi è così elevata che se questi animali vivessero sulla terra ferma potrebbero essere scambiati per discariche di rifiuti pericolosi.

Ma per il beluga di St.Lawrence, il cancro non è l'unico esito infelice della loro esposizione alle tossine. Spiega Jean -Michel Costeau nel suo blog che anche il loro sistema immunitario è indebolito, così come è compromessa la loro capacità riproduttiva. Pierre Béland, un tossicologo presso il St. Lawrence Istituto Nazionale di Ecotossicologia a Montreal, ha scoperto che solo il 20 per cento delle femmine di di beluga del St.Lawrence river erano incinte o che avevano partorito da poco, rispetto al 66 per cento delle loro controparti femminili nell' Artico Canadese.

Via | CChronicle
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: