Veneto, la Superstrada Pedemontana distruggerà Villa Agostini dimora del '400

Villa Agostini

La Superstrada Pedemontana veneta è un opera pubblica, secondo i politici necessaria, per i trevigiani e veneti un po' meno. Il percorso collegherà per 90 Km con un bypass l'Autostrada A4 alla A27 Venezia-Belluno, tra Montecchio Maggiore (Vicenza) e Spresiano (Treviso). Il problema è che l'asfalto andrà a toccare, anzi a demolire, pezzi di storia d'Italia come la Villa Agostini, splendida villa del quattrocento visitata dal Palladio. Poco più avanti Villa Venturali Fanna, un gioiello artistico del settecento che pure dovrebbe essere abbattuta per fare spazio alla strada. Il punto è che esistono vincoli ambientali che non sono stati tenuti in conto tanto che lo stesso CIPE suggeriva di trovare un'alternativa. Leggo sul sito del comitato salviamo Villa Agostini:

Lo stesso CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) prescrive che il progetto definitivo debba “studiare una nuova soluzione del tracciato”, la quale “eviti in corrispondenza della Villa Agostini Tiretta l’attraversamento di aree sottoposte alla disciplina del decreto legislativo n. 42/2004” (delibera CIPE 29 marzo 2006, n. 96).

Ma a dispetto dei vincoli ambientali, scrive il Corriere del Veneto:

Invece, a breve, secondo l’ultimo tracciato della Pedemontana, la campagna antistante la villa sarà tagliata di netto dalla superstrada in trincea, a una distanza di circa 200 metri dal cancello e di 300 dalla villa.

L'appello ora corre sul web e dal sito Salviamo Villa Agostini è possibile firmare una petizione per fermare lo scempio.

Dopo il salto il video in cui viene denunciato il perché della necessità della superstrada pedemontana veneta.