Scompare la nebbia, a rischio gli ecosistemi

nebbia

Lungo le coste della California la nebbia scompare sempre di più: negli ultimi 100 anni si sono perse in media quasi 3 ore di nebbia al giorno. A calcolare la diminuzione della presenza della nebbia uno studio dell'Università di Berkley, che ha analizzato e incrociato i dati su visibilità, vento e differenza di temperatura tra entroterra e costa forniti dagli aeroporti di tutto il Paese.

Lo studio evidenzia come la perdita di nebbia possa provocare danni agli ecosistemi: piante ed animali tipici del clima umido potrebbero scomparire a causa della perdita della nebbia, garante della conservazione dell'umidità e delle condizioni tipiche del clima costiero e del processo di rigenerazione di flora e fauna.

La scomparsa della nebbia si deve alla diminuzione della differenza tra le temperature dell'entroterra e della costa e la conseguenza, anche se non appare chiaro se la causa sia dovuta all'azione dell'uomo o ad un ciclo naturale. Ma una volta che la nebbia sarà scomparsa, la difficoltà maggiore per alberi e foreste sarà riuscire a trattenere l'acqua.

Sebbene le sequoie della California non siano oggi a rischio estinzione, il problema della scomparsa della nebbia non è prerogativa americana: anche in Europa si registra una regressione degli eventi nebbiosi, mentre in la comparsa della nebbia al Sud e la regressione del fenomeno nella Pianura Padana sono esempi a noi vicini di quanto analizzato a Berkley.

via | berkley.edu

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: