Campania: un progetto per produrre biodiesel dalle terre della camorra. Farà viaggiare gli autobus.

Nelle terre della camorra si produrr�  biodiesel E' stato firmato oggi il protocollo d'intesa tra Regione Campania, Ente autonomo Volturno, gestore dei trasporti pubblici regionali, TechnoDistrict e l'arcidiocesi di Capua che da il via al progetto "Agro-Energy".

Il progetto è molto interessante perchè consiste nel coltivare alcuni terreni dell'agro aversano, sequestrati alla camorra, con essenze oleaginose utili a produrre biodiesel. Oltre al valore simbolico di strappare la terra ai camorristi, c'è anche un risvolto ecologico che va anche oltre la riduzione del consumo degli idrocarburi.

I terreni sequestrati, infatti, spesso sono contaminati a causa degli sversamenti illegali di rifiuti. Ciò ne pregiudica ogni tipo di sfruttamento per scopi alimentari. Ecco allora l'utilità di coltivarlo per produrre biodiesel: si rimette in produzione il terreno per scopi non alimentari e, contemporaneamente, si aiuta il terreno a smaltire gli inquinanti tramite la coltivazione.

In totale saranno circa 2.800 gli ettari interessati da queste coltivazioni che, oltre a produrre petrolio verde utile a far viaggiare 53 autobus dei trasporti pubblici, daranno una nuova speranza ad una terra martoriata dall'ecomafia.

Via | Comunicato stampa
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 32 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO