Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag fonti rinnovabili

Fotovoltaico, appello dell'IFI a Clini per il V Conto energia

pubblicato da Marina Perotta

fotovoltaico

L’IFI, Industrie Fotovoltaiche italiane lancia un appello al ministro Corrado Clini affinché siano resi noti al più presto gli incentivi del V Conto energia. Il ritardo nella sua approvazione, secondo quanto riferito dallo stesso Clini, sarebbe dovuto a una serie di chiarimenti tutt’ora in atto con il ministero dello Sviluppo.

L’urgenza invocata da Alessandro Cremonesi, presidente IFI è dovuta all’assottigliarsi del gruzzolo da 6 miliardi di euro fonte dell’erogazione degli attuali incentivi. Il GSE, attraverso il suo contatore puntualmente conferma. E se appare evidente che i nuovi parametri dovranno essere fissati entro il prossimo 1° settembre risultano oscuri, però i valori: insomma su quanti euro in incentivi potranno contare i produttori di energia da fotovoltaico? La domanda ovviamente versa nell’incertezza i mercati tanto che Cremonesi dichiara:

La priorità per gli operatori industriali nazionali è che venga confermata la premialità del Made In negli stessi valori economici. 3 centesimi di euro a kWh- già proposti dalla Conferenza unificata in data 6 giugno 2012 cumulabili con quelli di egual importo dedicati allo smaltimento dell’amianto. A tal fine siamo disposti a rinunciare all’innalzamento della soglia dai 12 ai 20 kw per l’accesso al Registro e alla “sanatoria”che vedrebbe gli impianti non entrati ancora in esercizio beneficiare delle tariffe del IV conto.

Continua a leggere: Fotovoltaico, appello dell'IFI a Clini per il V Conto energia

....
condividi 2 Commenti

Rinnovabili, dall'Europa la ricetta del mix energetico

pubblicato da Marina Perotta

La Commissione europea ha presentato le azioni consigliate per raggiungere l’obiettivo di produzione di energia da rinnovabili entro il 2020. Aiuti coerenti e cooperazione tra gli Stati membri o esterni all’Unione europea sono fortemente raccomandati. Veniamo ai Piani Nazionali per cui nel 2020 la quota delle fonti rinnovabili potrebbe raggiungere il 34% per la produzione di energia elettrica, il 21,4% per il riscaldamento e il raffreddamento e l’11,7% nel settore dei trasporti. Questo mix di energie rinnovabili sarebbe composto da biomassa e biocarburanti (quasi il 60%), idroelettrica (12%) eolico onshore, (12%) eolica offshore (4,7%), impianti fotovoltaici (2,3%) e solare termico (2,4%).

Nell’ambito del pacchetto eEnergia adottato nel 2008 gli Stati mebri dell’Ue si sono impegnati a sviluppare fonti di energia rinnovabile da qui al 2020 per coprire il 20% del loro fabbisogno energetico. Gli obiettivi variano da paese a paese e il Centro di Ricerca della Commissione Europea (JRC) ha analizzato questi impegni e ha concluso chje effettivamente la riduzione totale dovrebbe corrispondere al 20,7% se è adottato il mix energetico. Perciò sono stati individuati 4 assi che appunto dovranno sostenere il mix: completare il mercato interno dell’energia e fornire incentivi per gli investimenti “per garantire una perfetta integrazione delle energie rinnovabili” quando sono a livelli diversi di maturità. Rimozione di sussidi ai combustibili fossili,rafforzamento del mercato del carbonio, tassazione uniforme dell’energia e dello sviluppo delle infrastrutture in particolare il trasporto di energia.

Per quanto riguarda il regime di aiuti, la Commissione deve dare la preferenza

a piani che favoriscano il risparmio e evitare la sovracompensazione.

Continua a leggere: Rinnovabili, dall'Europa la ricetta del mix energetico

....
condividi 0 Commenti

Microsoft promette carbon neutral entro il 2013

pubblicato da Marina Perotta

microsoft azzera le emissioni di anidride carbonica entro il 2013

Microsoft annuncia sul suo blog che dal 1° luglio 2012 inizieranno i suoi sforzi per raggiungere lo status di azienda carbon neutral per l’anno fiscale 2012-2013.

Il come viene indicato nel White Paper che fissa tre pilastri: essere snelli, essere verdi, essere responsabili. Sostanzialmente consiste nel rivedere l’efficienza energetica attraverso le tecnologie. Di fatto saranno ridotti viaggi in aereo, usato ove possibile il LED, uso di sistemi di risparmio energetico, diminuzione dell’uso di acqua, il che porterà a un risparmio di 1,5 milioni di dollari e a un ROI in 18 mesi; sarà acquistata energia proveniente da fonti rinnovabili. Inoltre Microsoft con Carbon System sta sviluppando una piattaforma la Enterprise Sustainability Platform per l’estrazione di dati che aiutino a ridurre ulteriormente le emissioni di CO2.

Via | Environmental Leader
Foto | Flickr

....
condividi 0 Commenti

Auto elettriche, 4 condizioni necessarie al loro sviluppo

pubblicato da Marina Perotta

Ricarica elettrica In Italia si torna a discutere da qualche giorno sulla possibilità di avere incentivi per l’acquisto di auto elettriche. Di fatto, i costi di queste autovetture sono ancora elevati e ciò a causa dell’alto prezzo delle batterie. In Francia sebbene non siano sempre viste positivamente per il loro impatto ambientale, sono già una realtà e dunque già si fanno delle considerazioni rispetto alle previsioni di sviluppo.

Secondo la società Alcimed la crescita delle auto elettriche è strettamente legata alla risoluzione di 4 problemi chiave: riduzione del prezzo delle batterie; facilità di ricarica anche in casa; facilità per ottenere la potenza elettrica necessaria alle ricariche; servizi pubblici per le ricariche.

Resta però un nodo cruciale: se l’energia usata per ricaricare le auto non proverrà da fonti rinnovabili, allora non si farà altro che spostare il problema dell’inquinamento dalle strade alle centrali elettriche.

Via | Actu-Environnement
Foto | Flickr

....
condividi 2 Commenti

Confindustria contro grandi impianti rinnovabili: insorgono le associazioni di categoria

pubblicato da Simone Muscas

Emma Marcegaglia, Presidente ConfindustriaHo letto con un certo interesse una lettera scritta qualche giorno fa da alcuni rappresentanti di Confindustria ed indirizzata al Ministro Romani, nella quale si fa riferimento alla situazione del mercato elettrico italiano e delle rinnovabili in particolare. Secondo Confindustria, si evince dalla lettera, il sistema energetico ed elettrico italiano rischierebbe di essere danneggiato dall’eccessiva presenza delle rinnovabili, che potrebbero saturare la rete. Per tal motivo, si legge, gli industriali di Confindustria avanzano una proposta di una moratoria per i grandi impianti alimentati da fonti rinnovabili, in attesa di un piano per la stabilizzazione e di sicurezza delle reti.

Pronta la risposta da parte delle principali associazioni del settore. Anev in particolare, in un comunicato sul proprio sito, si dice esterrefatta per l’ infondatezza della richiesta e per un attacco al settore delle rinnovabili che non ha ragion d’essere. Oltretutto, viene sottolineato, la situazione del settore è in fase di stallo da oltre un anno.

Che dire? Nuove nubi sotto il cielo delle rinnovabili o le ragioni di Confindustria meritano una certa attenzione? Personalmente ritengo che, mai come in questo caso, la verità stia nel mezzo; se infatti da un lato è vero che l’Italia ha nel proprio mix energetico una bassa quota di rinnovabili (alta se si considerano le fonti programmabili quali l’idroelettrico, ma bassa se si tiene conto soltanto delle fonti rinnovabili non programmabili) rispetto ad altri Paesi europei, è altrettanto vero che la crescita delle rinnovabili deve necessariamente andare di pari passo con l’adeguamento delle reti elettriche (cosa che non sta avvenendo) onde evitare problemi già verificatisi in altre realtà.

Continua a leggere: Confindustria contro grandi impianti rinnovabili: insorgono le associazioni di categoria

....
condividi 5 Commenti

La Germania produce oltre il 20% della sua energia da fonti rinnovabili

pubblicato da Gabriele Capasso


Quando i tedeschi si mettono in testa di fare una cosa di solito la fanno, anche quando si tratta di convertire la produzione di energia nella direzione delle fonti rinnovabili. La corsa verso l’obiettivo del 35% di energia prodotta da fonti alternative entro il 2020 è sempre più alla portata, almeno guardando i dati del primo semestre di quest’anno.

Nei primi sei mesi del 2011 la Germania (mantenendo una domanda energetica invariata rispetto al 2010) ha prodotto il 20,8% da fonti rinnovabili con una crescita del 2,5% netto. Il risultato è ancora più confortante dopo la decisione di dare un taglio al nucleare, nonostante le ire dei francesi, sulla spinta del disastro di Fukushima.

La produzione eolica è salita a 20.7 miliardi di Kwh (il 7,5% del totale) mentre dalle biomasse arriva il 5,6% e dall’idroelettrico il 3,3%. La crescita più rilevante la mette a segno il fotovoltaico che è cresciuto del 76% rispetto ai primi sei mesi del 2010 arrivando a generare il 3,5% della produzione totale d’energia tedesca.

Via | e360 Yale

....
condividi 4 Commenti

Corsa alle rinnovabili: la Cina surclassa gli USA

pubblicato da Gabriele Capasso


Gli americani amano le cosiddette Infographic, quegli strumenti che consentono di organizzare informazioni e dati all’interno di immagini esplicative. La chiarezza e l’immediatezza sono evidenti, anche quando vengono utilizzate per spiegare che “La Cina sta rompendo le ossa” (traduzione elegante) agli Stati Uniti per quanto riguarda l’energia pulita. Questa particolare infografica, la potete trovare qui, realizzata da One Block Off the Grid è particolarmente sconfortante per gli statunitensi.

Con poche semplici immagini viene spiegato come la Cina ha superato gli USA sia come investimenti nelle rinnovabili sia come investimenti che come produzione (103 contro 58 gigawatts) grazie ad una politica di investimenti molto aggressiva che punta a trasformare il paese nel primo mercato per il solare e l’eolico. Già oggi in Cina il 15% dell’energia necessaria al sempre crescente fabbisogno proviene da fonti rinnovabili contro l’8% degli USA. Per semplificare basta tener presente un fatto: per ogni tre dollari finiscono in spese militari in Cina se ne investe almeno 1 nelle rinnovabili, negli Stati Uniti sono necessari 41 dollari utilizzati per gli armamenti e missioni all’estero per trovarne uno che finisca nella creazione di impianti eolici e fotovoltaici.

Sufficientemente chiaro così?

....
condividi 7 Commenti

Auto elettrica: sperimentata con successo la batteria semisolida a ricarica rapida

pubblicato da Simone Muscas

Auto elettricaVorrei segnalarvi un interessante filone di ricerca relativo alle auto elettriche. Un team di ricercatori americani appartenenti al Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha infatti realizzato un nuovo modello di batteria più leggera, economica e rapida da ricaricare che, secondo i primi test, potrebbe realmente trasformare il settore dei veicoli elettrici. Il nuovo sistema è basato sulla tecnologia delle batterie di flusso, composte cioè da sostanze liquide.

La novità consiste nel fatto che si avrebbe una densità energetica dieci volte maggiore, grazie a un’innovazione fondamentale: la struttura liquida della batteria di flusso è infatti stata combinata con la tecnologia delle normali batterie solide a ioni di litio; in sostanza si tratta di un mix fra due elettroliti diversi il cui risultato, chiamato batteria di flusso semisolida, è quello di avere delle particelle solide sospese nel liquido. Quali i vantaggi? In sostanza per ricaricare questo tipo di batterie, è sufficiente sostituire i liquidi; per cui si tratta di un’operazione che potrebbe richiedere pochi minuti.

Nota interessante il fatto che queste batterie potrebbero trovare applicazione anche come accumulatori in associazione ad impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, almeno per piccole utenze, riducendone i limiti legati all’intermittenza degli impianti stessi. Tutti questi aspetti rendono di un certo interesse la tecnologia, i cui sviluppi verranno seguiti con una certa attenzione. Alla luce di simili risultati si può quindi essere più che ottimisti sul fatto che l’auto elettrica in pochi anni potrebbe realmente diventare competitiva.

Continua a leggere: Auto elettrica: sperimentata con successo la batteria semisolida a ricarica rapida

Comuni Rinnovabili 2011: Legambiente dà le pagelle ai comuni italiani

pubblicato da Peppe Croce

Comuni Rinnovabili 2011: Legambiente d�  le pagelle ai comuni italiani

E’ uscita l’edizione 2011 di “Comuni Rinnovabili”, consueto dossier di Legambiente che raccoglie i dati sulla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nei comuni italiani. Come al solito si tratta non di tutti i comuni d’Italia, ma di quelli che hanno avuto la sensibilità di fornire i dati rispondendo al questionario inviato dall’associazione ambientalista. I risultati? Buoni e prevedibili:

Sono 7.661 i Comuni in Italia dove si trova almeno un impianto. Erano 6.993 lo scorso anno, 5.580 nel 2009. In pratica, le fonti pulite che fino a 10 anni fa interessavano con il grande idroelettrico e la geotermia le aree più interne, e comunque una porzione limitata del territorio italiano, oggi sono presenti nel 94% dei Comuni

Si conferma il ritmo di crescita notevole dei comuni italiani, come mostra la tabella che vedete dopo il salto:

Continua a leggere: Comuni Rinnovabili 2011: Legambiente dà le pagelle ai comuni italiani

....
condividi 0 Commenti

Il video sulla bufala fotovoltaica di Striscia la Notizia censurato da Mediaset ed Rti su YouTube

pubblicato da Peppe Croce


Fotovoltaico: video censurato da Striscia la… di blogovideo

In attesa che Striscia la Notizia, questa sera, ci dica la sua verità su quanto realmente ami le fonti rinnovabili credo sia utile ripescare un vecchio video che ho realizzato un paio di anni fa. Tratta del parco fotovoltaico di Ragusa, contrada Mendolilli, dove piombarono l’inviato di striscia Brum Brum Brumotti e Vittorio Sgarbi.

Quella puntata scatenò, non solo a Ragusa, un putiferio perché Sgarbi affermò tutta una serie di “verità” che poi tanto vere non erano. Incuriosito, pochi giorni dopo la messa in onda di quella puntata di Striscia, andai a visitare quel parco fotovoltaico e quello che vidi con i miei occhi era molto diverso da quello che tutti avevano visto in televisione.

Tornai qualche giorno dopo con la telecamera, mi accordarono di fare delle riprese, feci un montaggio rapido mettendo a diretto paragone ciò che fece vedere Striscia la Notizia con quello che vidi io personalmente. Lo misi su YouTube e ricevette diverse migliaia di visualizzazioni.

Continua a leggere: Il video sulla bufala fotovoltaica di Striscia la Notizia censurato da Mediaset ed Rti su YouTube

....
condividi 9 Commenti