Carburanti: in arrivo tassa europea sulla CO2?

In arrivo carbon tax per i carburanti?Il blog del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici riporta oggi una notizia interessante: potrebbe arrivare a breve una carbon tax europea specifica per i carburanti. L'idea, da tempo in discussione a Bruxelles ma fino ad oggi rigettata dagli Stati membri, sarebbe stata nuovamente proposta dal Commissario europeo al Fisco Algirdas Šemeta.

Si tratterebbe di una tassazione uniforme per tutta l'Unione, calcolata in base a due fattori: quantità di energia sprigionata dal carburante ed emissioni di CO2 derivanti dalla compustione del carburante stesso. Si mira, in pratica, a promuovere carburanti a basso tenore di carbonio, che emettono meno CO2 a parità di energia prodotta o, dall'altro lato, producono più energia per ogni litro bruciato.

Non si tratta, quindi, di una tassa sui "soliti" inquinanti delle benzine o dei gasoli, come lo zolfo o il piombo (oggi sparito dalle benzine europee) bensì un'accisa specifica sulle emissioni di carbonio. A cosa potrebbe portare una tassa del genere, uniformemente applicata in tutta Europa? Probabilmente alla creazione di nuovi prodotti di raffineria, più "energetici".

Tali carburanti costerebbero di più, ma sarebbero meno tassati. Possibile, quindi, che alla fine si vada in pari o giù di lì. Resta da capire, invece, come verrebbe conteggiato il carbonio nei biocarburanti: nei prossimi anni, infatti, una percentuale sempre più alta di tali prodotti finirà nei nostri serbatoi attraverso il pieno. L'Europa, in ogni caso, dopo aver battuto per anni sull'efficienza delle automobili, sembra che ora si voglia concentrare sui carburanti.

Via | CMCC
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: