Ecopass, quando a decidere è il Giudice di pace. La strana storia di Milano

Il Giudice di pace boccia l\'Ecopass milanese

Apprendo dagli amici di 02Blog che un Giudice di Pace di Milano ha accolto il ricorso di un cittadino contro una multa fatta per violazione dell'Ecopass, cioè della zona interdetta o limitata al traffico. La cosa, onestamente, mi sconcerta alquanto. Non tanto per il concetto di Ecopass in sé, che è certamente controverso, bensì per il fatto che a decidere su un tema del genere sia un Giudice di pace. Ma, prima di tutto, leggiamo i dettagli della sentenza, come riportata da 02Blog:

pur non affermando che le delibere comunali istitutive dell’area Ecopass sono in sicuro contrasto con la legge e pur non affermando che sono illegittime per violazione di legge, ritiene che sono illegittime per eccesso di potere per disparità di trattamento [...] non si giustifica il diverso trattamento tra coloro che accedono all’area Ecopass in un giorno feriale e coloro che vi accedono in un giorno festivo, o tra coloro che vi accedono in diverse fasce orarie

La risposta del Comune di Milano non si è fatta attendere e il vice sindaco e assessore alla Mobilità e Trasporti, Riccardo De Corato, ha ribadito il concetto che a pronunciarsi sull'Ecopass non può essere un Giudice di pace principalmente perchè il provvedimento in questione, oltre ad avere fini ambientali, ha soprattutto fini educativi:

Ecopass è un provvedimento strutturale adottato dall'amministrazione comunale a tutela dell'ambiente e della salute di cittadini: obiettivi prioritari per la Giunta guidata dal Sindaco Moratti. La sua finalità pertanto non è quella di punire, ma di educare il cittadino al rispetto dell' ecosistema urbano

Effettivamente, a ben guardare, non è con un pass o con una domenica a piedi che si risolve il problema dello smog o si riduce il pm10. Il messaggio di abbandonare l'auto in favore dei mezzi pubblici, seppur veicolato tramite un obbligo, viene però lanciato. Il primo, non certo l'unico, provvedimento in favore di una mobilità sostenibile nelle città italiane. Se però si va dietro ai Giudici di pace che stroncano tutto sul nascere, scordiamoci pure di avere aria pulita nelle città.

Via | 02Blog, Affari Italiani
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail