Il decreto 193 cancella l'autonomia della ricerca ambientale e dell'Ispra

ispra futuro

I ricercatori dell'Ispra sono scesi dal tetto, ma l'indipendenza e il valore della ricerca ambientale in Italia sono ancora fortemente minacciati: se passasse il regolamento in discussione alle Camere sarebbero affidati al Ministro dell'Ambiente i poteri di controllo gestionale, scientifico e contabile dell'ISPRA.

L'eventuale approvazione del decreto governativo 193 comporta l'annullamento dell'autonomia dell'Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale. Massimiliano Bottaro, ricercatore precario dell'Istituto sceso giù dal tetto e candidato indipendente nelle liste del Pd, ha così commentato la situazione dei ricercatori e dell'istituto:

"La prima speranza che avevamo, al di là dell’ovvio obiettivo di salvare i nostri posti di lavoro era che all’ISPRA, il più importante istituto pubblico che si occupa di ricerca e controllo ambientale, si cambiasse finalmente registro, tornando a svolgere le nostre attività a favore della collettività, valorizzando le professionalità. (...) Il regolamento in discussione alle camere cancella completamente l’autonomia della ricerca, rendendo l’Istituto una semplice succursale del ministero dell’ambiente, che deciderà tutto, dalla nomina del consiglio di amministrazione e del presidente alla loro revoca, fino all’entità e la distribuzione dei finanziamenti all’Ispra".

A commentare la situazione non soltanto i ricercatori, ma anche relatori della maggioranza: Giuseppe Marinello e Roberto Tortoli del Pdl hanno espresso preoccupazione riguardo all'accentramento che potrebbe derivare dall'unione dei poteri politico, gestionale e scientifico e riguardo ad un possibile futuro asservimento dell'Ispra al Ministro dell'Ambiente di turno, con una conseguente politicizzazione della ricerca ambientale, che dovrebbe rimanere libera ed indipendente.

via | Giornalettismo

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: