Tornano a nidificare le Caretta Caretta a Vendicari

Pochi giorni fa, in merito all'apparizione della foca monaca nelle acque della Riserva Marina di Portofino, avevamo parlato dell'importanza delle aree protette, specie di quelle marine, per la ottimale tutela della biodiversità. Laddove il traffico nautico, il turismo e la pesca sono rigidamente disciplinati è possibile vedere proliferare specie che si temevano estinte, almeno in alcune aree, con ritorni inaspettati che lasciano esterrefatti... E' il caso della caretta caretta, tartaruga marina riconoscibile per la forma tondeggiante del corpo e della testa che, dopo 14 anni, ha deciso di riprovare a nidificare sulla spiaggia della Riserva naturale dell’Oasi Faunistica di Vendicari, in provincia di Siracusa. Così, fino al 15 settembre (la schiusa delle uova avviene in genere al termine di un periodo di incubazione compreso tra i 45 -65 giorni), i siti di nidificazione individiati (ben due!) saranno costantemente presidiati dai volontari e dai responsabili della Riserva. E quando finalmente i piccolini verranno alla luce sarà uno spettacolo davvero emozionante, almeno per quei pochi che avranno la fortuna di assistervi! E così tra sabbia, uccelli, fatica ... le piccole tartarughe avranno modo di dare inizio al loro merviglioso viaggio che potrebbe riportarne, con un pò di fortuna, alcune (ma non più di 1:1000, secondo i dati di sopravvivenza registrati oltre il primo anno di età) a questa stessa spiaggia siracusana - sempre che, ovviamente, le condizioni ambientali del sito non siano state, nel frattempo, alterate ...

Sulla base degli ottimi risultati raggiunti dalle Aree Marine Protette, poi, molti altri progetti di gestione ottimale e integrata di zone di particolare pregio naturalistico sono in procinto di partire nel Mediterraneo con lo scopo di creare una rete di AMP che possa assicurare rifugio, pace e continuità alla fauna marina più variegata come quella prevista, nel Mediterraneo, tra Italia (con l’Area Marina protetta di Miramare Trieste), Spagna (AMP di Cabrera),Francia (Cap d’Agde), e Tunisia (La Galite).

Via | ilgiornaledisiracusa

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail