Appalti eolico Sardegna, in manette Flavio Carboni

Flavio CarboniChe l'eolico sia una delle energie rinnovabili in grado di generare le voglie di fare affari lo si era capito. Giunge così la notizia dell'arresto di Flavio Carboni personaggio piuttosto complesso coinvolto a vario titolo anche in diverse altre inchieste: dal rapimento di Emanuela Orlandi al crack del Banco Ambrosiano. I reati contestati sono: associazione per delinquere e gli art. 1 e 2 della Legge Anselmi sulle associazioni segrete. L'inchiesta è condotta da Giancarlo Capaldo procuratore aggiunto e Rodolfo Sabelli il Pm che stanno indagando anche sul conto del geometra Pasquale Lombardi e di Arcangelo Martino imprenditore campano.

Il nuovo filone dell'inchiesta partita dalla Procura di Roma, però, sembrerebbe mettere in luce la nascita di una sorta di superloggia che lavorava per imprenditori e politici al fine di assicurare con le proprie pressioni il buon esito di appalti e affari. Gli incontri tra Cappellacci e Carboni sarebbero stati cinque e tutti documentati dai Carabinieri. Come riporta il Messaggero:

Documentati dai carabinieri gli incontri tra Cappellaci e Carboni, che si sarebbero incontrati almeno cinque volte. Due volte a Roma, nella casa di Verdini a piazza Venezia, quando era presente anche il senatore Marcello Dell’Utri. Poi a Cagliari in un albergo, quindi a una colazione in un centro convegno di Suelli (Cagliari) e infine a Pula, durante il convegno sul federalismo fiscale, al quale hanno partecipato magistrati di tutt’Italia. L’appuntamento, lo scorso settembre, era organizzato da Lombardi e il sospetto dei pm è che le spese del convegno, oltre centomila euro, siano state saldate dalla Regione.

In ciò si innestano le 44mila telefonate intercettate dal Noe che raccontano di intrecci tra politici e imprenditori a proposito della gestione di una discarica di amianto e fino alle energie rinnovabili per cui sarebbero state richieste corsie preferenziali nell'approvazione dei progetti. Nella stessa inchiesta figurano indagati anche Denis Verdini, coordinatore del PdL su cui pesano le accuse di abuso d'ufficio e riciclaggio e Ugo Cappellacci e coordinatore della Regione Sardegna.

Foto | Il Tafano

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: