Dissesto idrogeologico: nel messinese la cura peggiore del male?

Dissesto idrogeologico: nel messinese la cura peggiore del male?

A Scaletta Zanclea, in provincia di Messina, dopo mesi ancora la montagna si sfalda: l'ultima frana l'altro ieri, quando altri 15 mila metri cubi di terra, pietre e detriti si sono staccati dal costone senza causare, per fortuna, né feriti né vittime.

I cittadini di Scaletta, però, sono furiosi: il punto che ha ceduto è stato interessato dai primi lavori di consolidamento, costati oltre mezzo milione di euro, che forse hanno fatto più male che bene.

Come riporta Sicilia Informazioni, infatti, oltre a crederlo i cittadini lo ammette tra i denti anche Gaetano Sciacca, ingegnere capo del Genio civile di Messina e responsabile tecnico del cantiere che però la prende con filosofia:

Paradossalmente, l'evento può esserci d'aiuto per il futuro nella redazione dei nuovi progetti di messa in sicurezza

In realtà, però, c'è poco da essere ottimisti: l'estate è torrida e potrebbe asciugare i terreni e un autunno piovoso potrebbe dare il colpo di grazia a quella montagna.

Via | Sicilia Informazioni
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: