In Italia le fonti elettriche rinnovabili hanno prodotto oltre un terzo dell'energia nei primi 8 mesi del 2013

L'eccezionale risultato mostra che le fonti rinnovabili sono più che adulte. I valori di produzione raggiunti grazie al recupero dell'idroelettrico (+32%) e al buon incremento di eolico (+27%) e fotovoltaico (+19%)

In Italia nei primi otto mesi del 2013 le fonti di energia rinnovabile hanno prodotto oltre un terzo dell'energia elettrica, per la precisione il 33,8% (elaborazione su dati Terna).

Dopo i buoni risultati del primo trimestre e la performance eccezionale del mese di giugno, anche questo dato mostra l' inequivocabile consolidamento dell'energia sostenibile, che con i trend attuali potrebbe superare la produzione fossile già nel 2015. Alle ore 12 del primo di agosto, giorno di punta del mese, le fonti rinnovabili hanno coperto il 55%  della produzione.

Sempre con il trend attuale, a fine anno la produzione rinnovabile potrebbe  per la prima volta superare il muro dei 100 TWh, mentre quella termoelettrica potrebbe, sempre per la prima volta, scendere sotto i 200 TWh.

Ha contribuito naturalmente al raggiungimento di questo risultato il grande recupero dell'idroelettrico che grazie alle più abbondanti precipitazioni di quest'anno ha raggiunto i livelli più alti del decennio.  Anche eolico e fotovoltaico si sono però comportati egregiamente, con un incremento rispettivo del 27% e del 19% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

E' quanto mai urgente che un governo che non sia vittime delle condizioni meteo della politica, investa in tre campi:


  • promuovere e agevolare il fotovoltaico a livello domestico e condominiale

  • miglioramento delle reti

  • sistemi di accumulo.


La sfida è ancora aperta.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: