Centinaia di tartarughe e animali a rischio, provenienti dal Madagascar, sequestrate all'aeroporto di Kuala Lumpur

Gli aeroporti, nonostante i controlli, costituiscono il viatico principale per il contrabbando di specie protette o di parti di esse che in questo modo, stipati in borse o bagagli più o meno ingombranti, finiscono facilmente sul "mercato". All'inizio di giugno, i funzionari della dogana del Kuala Lumpur International Airport hanno scoperto all'interno di due valigie, 285 Astrochelys radiata, 14 tartarughe Pyxis aracnoidi e una Astrochelys yniphora - tutte considerate a rschio - per fortuna, immediatamente condotte al Perhilitan, il dipartimento malese per la vita selvatica e i parchi nazionali allo scop. L'altro ieri, un evento similare e all'interno della stessa cornice si è verificato con i funzionari del Malaysian Customs Department che nelle borse di due donne malgasce hanno sventato l'ennesimo tentativo di contrabbandare centinaia di tartarughe a rischio di estinzione provenienti dal Madagascar. Si trattava di ben 369 tartarughe Astrochelys radiata e 5 Astrochelys yniphora e 47 rane pomodoro (Dyscophus antongilii) e diversi camaleonti.

Secondo il Malaysia's International Trade in Endangered Species Act 2008, entrato in vigore proprio in questi giorni, le arrestate rischiano una multa totale per un massimo di un milione di myr e il carcere fino 7 anni. Traffic ( la rete per il monitoraggio del commercio di specie protette), alla luce degli ulteriori casi registrati a Kuala Lumpur in questi giorni - con il rinvenimento, il 13 luglio,di oltre 600 uccelli rari (tra cui ara blu e gialli, cacatua e uccelli del paradiso) in un'autofficina - così commenta:

Questi casi confermano i collegamenti tra elementi criminali nel Sudest asiatico e in Madagascar. Sollecitiamo le forze all'interno dell'Asean- Wen a collaborare per farla finita con queste mafie, specialmente negli aeroporti internazionali, che sono i veri i nodi di questo commercio. Devono essere avviate subito le indagini per trovare i mandanti che stanno dietro il commercio di tartarughe del Madagascar verso il sud-est asiatico . Sono queste persone e quelle che continuano a comprare illegalmente questi animali che stanno portando a fauna selvatica del Madagascar verso l'estinzione.

Via | traffic
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail