Chytridiomycosis: la malattia che sta uccidendo gli anfibi dell'America Centrale

RanaLeggevo con curiosità una notizia riportata dallo Smithsonian Tropical Research Institute di Panama, secondo il quale c'è molta preoccupazione per la propagazione, soprattutto nell'ultimo anno, di una vera e propria malattia conosciuta da tempo e denominata Chytridiomycosis, che nell'America Centrale starebbe causando l'estinzione di decine di specie di rane.

Il Chytridiomycosis è una malattia infettiva causata da un fungo chiamato Batrachochytrium dendrobatidis che avrebbe avuto origine proprio a Panama, ma si starebbe pericolosamente espandendo ad una media di circa 30 km all'anno. Secondo i ricercatori dovrebbe infettare soltanto gli anfibi, tuttavia non si ha ancora la piena certezza che tante altre specie animali ne siano immuni.

La malattia agisce rapidamente tanto che in una sola settimana sarebbe capace di causare la morte dell'animale; la rana infatti viene colpita nell'apparato osmoregolatore inibendo il funzionamento del coordinamento muscolare e della respirazione. L'effetto immediato è quindi la graduale paralisi dei muscoli che determina il blocco delle pulsazioni del cuore.

Per cercare di fermare la proliferazione, i ricercatori starebbe proponendo una duplice strategia; la prima sarebbe quella di creare colonie isolate, la seconda invece consisterebbe nell'osservare le specie che geneticamente si dimostrano essere maggiormente resistenti a questo fungo. La questione però, dicono i ricercatori, non è di facile risoluzione, poiché si stima che dagli anni ottanta ad oggi più di un centinaio di specie di rane e rospi nel luogo si siano estinti.

Via | Stri.org
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail