Il Prozac fa sballare i gamberetti

Il prozac sballa i gamberetti inglesi

I gamberetti della specie Echinogammarus marinus sembrano impazzire nelle acque inquinate dalla fluoxetina, il principio attivo del Prozac. La scoperta pubblicata su Acquatic Toxicology è stata fatta da un team di scienziati a capo di Alex T. Ford della University of Portsmouth’s Institute of Marine Sciences.

In pratica l'esperimento condotto da Ford ha svelato che il Prozac che giunge nei pressi degli estuari attraverso le acque delle fogne interviene pesantemente sul comportamento dei gamberetti. Questi diventano particolarmente vivaci e iniziano a inseguire le fonti luminose senza badare a difendersi e esponendosi così impunemente alle fauci dei predatori.

Spiega Oggiscienza:

i gamberetti sono stati sottoposti a quattro diverse concentrazioni di fluoxetina, e l’osservazione successiva mostra che il loro comportamento, in particolare per quanto riguarda la fototassi e la geotassi, ne è influenzato in maniera proporzionale: gli animali tendono a dirigersi verso le fonti luminose in maniera abnorme (fototassi positiva) e allo stesso tempo ad allontanarsi dal fondale (geotassi negativa), diventando così facili prede.

Via | Oggiscienza
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail