Mantova, dopo la grandine si temono le tossine cancerogene nel mais. Gli esperti: utilizzatelo per la produzione di energia

Mantova, dopo la grandine si temono le tossine cancerogene nel mais. Gli esperti: utilizzatelo per la produzione di energia

Dall'Associazione Provinciale Imprese di Meccanizzazione Agricola (Apima) di Mantova arriva un allarme aflotossine nel mais: a causa dei recenti eventi meteo che hanno colpito l'alto mantovano (trombe d'aria e grandine in particolare) si potrebbe verificare un'invasione di tossine causate da un fungo. Tossine che rendono inutilizzabile il raccolto per scopi alimentari umani poiché sono cancerogene.

L'Apima, per questo, da alcuni consigli agli agricoltori su come limitare il rischio aflatossine:

Non bisognerà aspettare che il mais sia troppo secco ma sarà importante raccoglierlo quando l'umidità del prodotto sarà intorno al 22-23%, per poi essiccarlo immediatamente. Il mais, inoltre, non dovrà rimanere ammucchiato sui piazzali per più di 24 ore dalla raccolta, ma andrà essiccato quanto prima. Anche la fase di pre-essiccazione è cruciale per avere un buon prodotto, immune da aflatossine. Più si aspetta, più si innescano fenomeni di fermentazione, che danneggiano irreversibilmente il prodotto

Qualora non si riuscisse a fermare l'infezione, continua l'associazione mantovana, sarà meglio destinare il prodotto all'alimentazione bovina o, meglio ancora, alla produzione di energia: l'ideale, conclude Apima, è produrre energia elettrica con la digestione anaerobica del biogas come integrazione dei reflui zootecnici.

Via | Agricoltura on web
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail