Marea nera nel Mar rosso: insabbiata causa business?

OggiScienza ha pubblicato un inchiesta sull'incidente avvenuto agli inizi di luglio a Hurghada una delle mete turistiche più rinomate del Mar Rosso. La notizia è stata, probabilmente insabbiata, così come ipotizza Al Jazeera nel suo servizio (in alto il video). E ancora oggi si fanno ipotesi su cosa sia accaduto realmente, da dove sia fuoriuscito il petrolio e quale sia l'entità dei danni ambientali.

Scrive ScienzaOggi:

una chiazza di greggio ha stretto con il suo abbraccio viscido 50 km di costa da El-Gouna, a nord di Hurghada, giù fino a Sahl Hasheesh. In questo caso, a differenza di quello che sta accadendo nel golfo del Messico che è sotto l’occhio vigile di tutto l’Occidente, è difficile stabilire con precisione cosa sia successo e quando.

Ed andiamo di ipotesi: probabilmente l'incidente si è verificato il 16 giugno, non si conosce a chi appartenga la piattaforma; se si tratti di una piattaforma; non si conosce l'impatto ambientale di tale incidente.

Passiamo agli indizi. Scrive Colla:

Gli indizi portano tutti alla compagnia Petro Gulf controllata dal governo che però, tramite il suo portavoce Khaled Boraie, smentisce seccamente ogni implicazione nella vicenda. Fonti non ufficiali hanno però lasciato trapelare l’esistenza di fotografie e di un video che non lascerebbero dubbi. La segnalazione dell’incidente è arrivata da Hamdy Shahat, un pescatore locale che durante una battuta di pesca si è ritrovato con la sua barca nel bel mezzo della chiazza oleosa.

Secondo i biologi il petrolio avrebbe toccato le Northern Island: Alphenadir, Alsgup e Abu-Helix. Sarebbero intervenuti a pulire le coste circa 2000 persone, inclusi i dipendenti dei villaggi turustici, mentre grazie alle correnti marine e al vento il greggio sarebbe stato spinto verso la costa di Hurghada e non avrebbe contaminato la barriera corallina.