International Nimby: il Wwf Abruzzese contro l'idroelettrico in Montenegro

International Nimby: il Wwf Abruzzese contro l'idroelettrico in Montenegro

Not in my back yard, e manco in quello del mio vicino. Il Wwf abruzzese non vede di buon occhio il progetto di produrre energia idroelettrica in Montenegro e portarla poi in Italia tramite l'elettrodotto Tivat-Villanova. Secondo la sezione regionale dell'associazione ambientalista, infatti, l'energia elettrica prodotta dall'altro lato dell'Adriatico avrebbe un impatto devastante sull'ambiente montenegrino.

Il progetto in questione prevede la costruzione di quattro dighe sul fiume Moraca, che alimenta il lago di Scutari, un'area troppo preziosa e delicata per reggere all'impatto delle centrali idroelettriche:

Il lago di Scutari, il più grande dei Balcani, è una zona umida di importanza mondiale ai sensi della Convenzione di Ramsar. Una delle caratteristiche principali di questo lago è la variabilità stagionale del livello dell’acqua condizionato in parte da quello del suo principale affluente, il fiume Moraca. È questa variazione nei livelli delle acque del lago che determina la formazione di estesi saliceti, canneti e vaste aree di vegetazione galleggiante dove trovano ospitalità circa 1.900 specie di piante, 54 specie di molluschi di acqua dolce, 16 di anfibi, 28 di rettili, 57 di mammiferi e 281 di uccelli, tra cui il Pellicano Dalmata, simbolo del lago. L’intera zona è formata da fiumi e canyon inseriti nella rete Smeraldo, una selezione di siti nei paesi confinanti con i Paesi dell’Unione Europea ritenuti indispensabili per la protezione della Rete Natura 2000

Ma non solo: non è detto che l'energia portata in Italia con l'elettrodotto sarà tutta rinnovabile e pulita perchè, oltre alle quattro dighe, in Montenegro verrà costruita anche una centrale termoelettrica a carbone. Made in Italy, Enel. Il Wwf, quindi, si chiede se sia possibile far finta di non vedere cosa succede nell'orto del vicino:

Al di là di ogni altra considerazione locale, occorre evitare che il nostro paese importi energia “a occhi chiusi” e dunque occorre verificare fino in fondo cosa si nasconde dietro ai chilowattora che dovrebbero scorrere tra le sponde dell’Adriatico. Non è giusto né morale utilizzare l’energia elettrica derivante dalla distruzione ambientale di un altro Paese, soprattutto in una condizione di tale ricchezza ambientale quale quella del Montenegro

Via | Comunicato stampa Wwf Abruzzo
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: