Agenzia nucleare, tramonta l'ipotesi Veronesi?

Agenzia nucleare, tramonta l\'ipotesi Veronesi?

La telenovela della nomina di Umberto Veronesi alla carica di presidente della futura Agenzia per la sicurezza nucleare si arricchisce di un nuovo episodio: la Camera dei Deputati, infatti, ha votato oggi due emendamenti al cosiddetto "decreto sblocca reti" (il 3.1, presentato da Ermete Realacci del Pd e il 3.2 presentato da Gabriele Cimadoro di Idv) che chiedevano la soppressione dell’articolo 3 del decreto.

Con questi emendamenti, in estrema sintesi, torna l'incompatibilità tra la carica di presidente dell'Agenzia e una sfilza di cariche dirigenziali ed elettive. Tra queste anche quella di senatore, attualmente ricoperta da Veronesi in quota Pd.

Da molti la votazione dei due emendamenti, praticamente identici e già respinti dieci giorni fa in Senato, è vista come un siluro indirizzato dritto dritto al senatore-professore Veronesi. Non è detto che sia così.

Veronesi, infatti, già la settimana scorsa, in una intervista al Corriere della Sera, aveva preannunciato l'intenzione di dimettersi, qualora fosse stato nominato presidente dell'agenzia. Il problema, quindi, almeno in teoria non si pone.

La questione vera, infatti è un'altra: il Pd il nucleare lo vuole oppure no? Gli Ecodem, ala ecologista (?) del partito, hanno già fatto sapere di essere soddisfatti dei due emendamenti approvati ma di non cambiare la propria posizione:

cio' non cambia di una sola virgola, naturalmente, la nostra posizione di contrarieta' alla scelta del governo di ritorno al nucleare: una scelta sbagliata dal punto di vista delle politiche energetiche ed ambientali, insostenibile dal punto di vista economico

Che Veronesi fosse favorevole al nucleare, però, lo si sa da sempre e il Pd non ha esitato a candidarlo e farlo eleggere al Senato. Se i democratici hanno realmente intenzione di prendere una posizione negativa e netta sull'argomento, allora, forse sarebbe il caso che rompano del tutto con Veronesi.

Una decina di giorni fa Bersani aveva dichiarato:

Se accetta l'offerta del centrodestra e va a guidare la nuova agenzia nucleare, allora dovrà lasciare il suo posto di senatore del Pd perchè la maglietta di politico e quella di presidente di una'authority scientifica sono incompatibili

Come presa di posizione è un po' troppo diplomatica...

Via | Il Velino, La Repubblica, Asca
Foto | Nogara online

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: