Seguici su

Energia

Petrolio off shore: la Regione Sicilia cavalca il panico da marea nera. E intasca le royalties…


Si sono riuniti ieri mattina alle 12, all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente a Palermo, gli amministratori dei comuni rivieraschi siciliani convocati dall’assessore Di Mauro per parlare delle trivellazioni petrolifere nel Canale di Sicilia.

La riunione, in realtà, è singolare per molti versi: innanzitutto perché la concessione delle autorizzazioni a trivellare non la da l’Assessorato all’Ambiente, bensì il neonato Assessorato all’Energia (un tempo quello all’Industria, ma il governatore siciliano Raffaele Lombardo ha recentemente rivoluzionato gli uffici regionali). Poi perchè la maggior parte dei comuni ragusani, interessati alla questione visto che a largo di Pozzallo c’è la piattaforma più grande del mediterraneo, la Vega della Edison, non sapevano nulla della convocazione.

Ne era a conoscenza, ed era invitata, Vera Greco, soprintendente ai beni archeologici e paesaggistici ragusana, che è anche componente della commissione nazionale per la Valutazione di impatto ambientale, la famosa Via. La Greco, però, oggi non era presente a Palermo.

La riunione, alla fine, è servita a ribadire il no della Regione Sicilia alle trivellazioni off shore di gas e petrolio. In tempi di marea nera è difficile prendere posizioni diverse.

È la stessa Regione, però, che è favorevole ad altre trivellazioni. Quelle sulla terra ferma. Ultimo caso quello di contrada Cammarana a Ragusa.

E, dalle trivelle, la Regione ci guadagna pure, seppur assai poco: 420mila euro nel 2009, a fronte dei 300 milioni incassati dalle compagnie petrolifere. Nel 2008 a Palermo erano arrivati 643mila euro.

Eppure, e sta qui la cosa interessante, per le trivellazioni in terra ferma la Regione siciliana ha competenza esclusiva, mentre per quelle in mare di competenze non ne ha affatto. Su terra ferma, poi, la Regione ci guadagna l’85% delle royalties mentre in mare il 55%, che diventa lo 0% tondo in caso di perforazioni lontane dalla costa. Cioè tutte o quasi.

Ricapitolando: la Regione dice sì a ciò che potrebbe bloccare e da cui ci guadagna, mentre dice no a ciò che non può bloccare e da cui non ci guadagna nulla. Strano modo di difendere l’ambiente…

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa