Acerra, frutta e ortaggi contaminati da oli combustibili? Per non parlare delle crepe nell'inceneritore...

Si riapre l'emergenza rifiuti in Campania. Ve ne parla Peppe Croce nel post appena sotto. Questa volta, versione ufficiale vuole che la colpa sia dell'inceneritore di Acerra. Che, peraltro, non ha mai funzionato bene, sforando continuamente i limiti delle emissioni pericolose. Secondo Tommaso Sodano, consigliere provinciale della Federazione delle Sinistre, come dichiara a Il Corriere del Mezzogiorno di oggi questa è la situazione:

Fonti riservate mi dicono che si sono verificate vistose crepe in uno dei camini. Conseguenza, mi informa un tecnico, della pratica di bruciare non combustibile da rifiuto ma immondizia tritovagliata. Esperti mi dicono che questo determina sbalzi di temperatura e danneggia l'impianto. Prevedo che Acerra funzionerà a singhiozzo ancora per molte settimane.

Ma l'inceneritore di Acerra inquina anzi come si dice in linguaggio tecnico sfora. Dice Sodano:

I valori delle polveri sottili sono stati superati più di 250 giorni su 500 di funzionamento dell'impianto.

A martorizzare un territorio già devastato dai veleni ora ci pensa anche una strana patina untuosa che da qualche giorno ha preso a coprire frutteti e ortaggi. Assocampaniafelix, associazione di cittadini nata a tutela del territorio in cui abitano, ha girato il video in alto, in una zona a 1 Km dall'inceneritore. Questa la descrizione che ne danno su youtube:

Una inquietante coltre nera e untuosa ricopre le foglie e i frutti dell'intera zona prospiciente l'inceneritore di Acerra e la centrale a biomasse Friel SpA. I contadini: "Mai vista una cosa simile. Abbiamo paura per la nostra salute".

Si attendono ora i risultati delle analisi che sta svolgendo il dott. Maffei.

  • shares
  • Mail