Prestigiacomo: "Ai parchi almeno 35 milioni di euro". E' il minimo per non farli collassare

Dopo le polemiche dei giorni scorsi con il Ministro Tremonti a proposito della Legge di Stabilità, stamattina alla Commissione Ambiente del Senato, Stefania Prestigiacomo ha proposto un emendamento al testo legislativo in via di approvazione che dovrebbe essere sufficiente a mettere "parzialmente a reddito" e quindi più o meno al sicuro, le aree protette.

Secondo il Ministro dell'Ambiente, infatti, per la tutela dei parchi attualmente esistenti sul nostro territorio occorrono finanziamenti annuali pari ad almeno 35 milioni di euro per il possimo triennio. Il valore proposto cozza, però, con quello specificato (27 milioni di euro) nel testo della finanziaria attualmente in via di approvazione. Inoltre, ha aggiunto la Prestigiacomo, per il riordino e un'effettiva migliore gestione e funzionalità dalle nostre aree protette sarebbe necessario prevedere, al più presto, l'approntamento di una nuova legge ad hoc...

Più in dettaglio, secondo le stime di Federparchi, i 27 milioni di euro attualmente garantiti dal DDL di stabilità all'intero sistema dei parchi sarebbero di fatto insufficienti a coprire anche solo il pagamento degli stipendi ai dipendenti delle AP, per i quali occorrerebbero non meno di 31 milioni di euro l'anno. Approvare il testo della finanziaria così com'è, quindi, come già paventato da più parti, rischierebbe di inficiare lo stesso carattere "pubblico" dei parchi che, anche sulla base degli accordi presi a Nagoya, dovrebbero presto aumentare in numero, superficie e livello di salvaguardia. Ci troviamo in pieno ossimoro, insomma, a meno che non si apra la strada a "fonti autonome di finanziamento" oppure all'apertura a "pagamento" di alcuni tra le maggiori AP del nostro paese.... Facendo, di fatto, scadere la loro godibilità da "diritto" gratuitamente consegnato alla collettività a una semplice "macchina per fare soldi" che ne snaturerebbe completamente le caratteristiche...

Via | federparchi, senato della repubblica
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail